Novara, moria di pesci nel Terdoppio: denunciato il responsabile di un'azienda chimica

I carabinieri forestali hanno iniziato le indagini dopo le segnalazioni di decine di pesci morti

I carabinieri impegnati nell'indagine

Decine e decine di pesci morti lungo le sponde del Terdoppio, a Novara, hanno fatto scattare le indagini dei carabinieri forestali.

Tutto è iniziato il 14 luglio scorso, quando diversi cittadini hanno segnalato l'anomala moria di pesci in una zona in cui il Terdoppio passa in città. I carabinieri sono intervenuti e grazie a indagini, testimonianze, rilievi sul territorio, analisi dell’ARPA e ricostruzione storico-ambientale sono riusciti ad individuare le probabili cause. Sembra che la moria sia stata provocata da uno scarico di sostanze chimiche operato da un'azienda novarese per problematiche connesse al corretto funzionamento degli impianti del sito industriale.

La causa probabile della morte dei pesci sembrerebbe essere l’ipossia, cioè l’abbassamento anomalo e grave dei livelli di ossigeno presenti nelle acque, con conseguente morte per asfissia. Per questo il responsabile della ditta è stato denunciato per inquinamento ambientale e per uccisione di animali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: il cambio di colore sarà sabato o domenica?

  • Coronavirus, il Piemonte rischia la zona arancione

  • Novara, tragedia al centro commerciale: si sente male e muore alle casse dell'Ipercoop

  • Coronavirus, cosa è consentito fare in zona arancione: le regole per Novara e il Piemonte

  • Dpcm: le nuove regole per asporto, spostamenti, sci e scuole. Piemonte verso la zona arancione

  • Coronavirus, nuovo decreto: niente spostamenti tra regioni, il Piemonte verso l'area arancione

Torna su
NovaraToday è in caricamento