Insegnante novarese sul carabiniere ucciso a Roma: "Uno in meno, non ne sentiremo la mancanza"

Il post ha scatenato la reazione dei social. L'insegnante: "Chiedo scusa"

Il commento che ha scatenato le polemiche

Polemiche social su un post apparso nelle scorse ore sulla nota pagina Facebook "Sei di Novara senza se e senza ma". 

Nella pagina era stata pubblicata una foto del carbiniere ucciso a Roma in servizio, Mario Cerciello Rega: tra i molti commenti alla foto ne è apparso uno che ha suscitato l'indignazione degli utenti web e non solo. "Uno in meno  e chiaramente con uno sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza" ha scritto un'insegnate novarese.

carabiniere ucciso facebook-2

Nel giro di pochi minuti il commento ha scatenato l'ira degli altri utenti ed è poi stato rimosso, ma le polemiche non si sono fermate. Il mondo politico novarese ha subito stigmatizzato il gesto, ripostando il commento più volte. Tra chi ha insultato l'insegnante pesantemente (sono arrivati addirittura auguri di morte) e chi invece ha proposto di segnalare la questione alla scuola in cui lavora e al Provveditore, il caso si è montato fino ad arrivare a livello nazionale.

Ad Ansa l'insegnate ha dichiarato che "Ho commesso un errore gravissimo, me ne sono resa conto appena ho cliccato su invia, ma ormai il danno era fatto. Ho scritto una cavolata, non c'è nulla dire. Mi sono lasciata guidare dalla sensazione che spesso le forze dell'ordine non intervengono quando serve, quando una donna è maltrattata o peggio, si muovono solo quando ormai è troppo tardi e ho scritto quell'enorme sciocchezza, senza nemmeno pensare alla vedova e a chi voleva bene al vice brigadiere, una sciocchezza che ho provato a correggere immediatamente con un altro post, ma ormai...".  "Voglio chiedere scusa a tutti - conclude la dichiarazione l'insegnante - In particolare a chi era vicino al militare e ora è straziato dal dolore e chiedo scusa all'Arma dei carabinieri e all'Italia intera. Sono stata una stupida". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Motocross tra le risaie del Torrion Quartara: 2400 euro di multe per 3 motociclisti

Torna su
NovaraToday è in caricamento