Intossicati in casa da una stufa a legna rischiano di morire

Due persone sono state curate in camera iperbarica a Fara per avvelenamento da monossido di carbonio

Repertorio

Sarebbe stata una stufa a legna difettosa a provocare l'intossicazione di due persone, che hanno rischiato di morire in casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

É successo ad Alessandria, dove padre e figlia sono finiti al pronto soccorso mercoledì 9 gennaio con gravi sintomi da avvelenamento da monossido di carbonio. La ragazza di 27 anni e il padre di 62 anni, originari della Repubblica Domenicana, hanno accusato malessere, cefalea, vomito e anche disturbi del ritmo cardiaco. Entrambi sono stati trasferiti alla casa di cura Habilita I Cedri di Fara Novarese, dove sono stati trattati d'urgenza in camera iperbarica con ossigeno terapia. Il trattamento di ossigeno terapia è stato eseguito con una certa difficoltà per la scarsa capacità di compensazione di uno dei due. Dopo il trattamento la ragazza e il padre sono stati tenuti sotto osservazione in ospedale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, cauto ottimismo dal Maggiore di Novara: in Piemonte 9.418 i casi

Torna su
NovaraToday è in caricamento