Intossicati dal monossido di carbonio in casa: marito e moglie ricoverati a Fara

La coppia è stata sottoposta ad un trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza

Foto di repertorio

Marito e moglie, lui 68 e lei 58 anni, sono stati ricoverati nella serata di ieri, giovedì 23 gennaio, a Fara Novarese a causa di un'intossicazione da monossido di carbonio.

La coppia è stata sottoposta ad un trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza presso la casa di cura Habilita - I Cedri.

Secondo quanto comunicato dalla casa di cura, a causare l'intossicazione sarebbe stato un braciere acceso a scopo di riscaldamento. La donna al risveglio ha lamentato cefalea e difficoltà respiratoria ed è stata portata al pronto soccorso, dove è stata effettuata una diagnosi di intossicazione da monossido di carbonio e posta indicazione a trattamento urgente in camera iperbarica. È stato quindi visitato anche il marito che ha dichiarato difficoltà al risveglio e cefalea; anche per lui è stata dimostrata l'esposizione al monossido e posta indicazione al trattamento di ossigeno terapia iperbarica.

Al termine del trattamento i pazienti sono stati ricondotti all'ospedale di provenienza per il proseguio delle cure del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento