menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lidia Menapace

Lidia Menapace

Addio alla partigiana ed ex senatrice Lidia Menapace

Si è spenta a 96 anni nell'ospedale di Bolzano

Addio alla partigiana ed ex senatrice novarese. Si è spenta a 96 anni Lidia Menapace, all’anagrafe Lidia Brisca, partigiana ed ex senatrice, fra le protagoniste per oltre 60 anni del femminismo attivo. Menapace era stata ricoverata a Bolzano a causa di alcune complicanze dovute al Covid. Novarese, si era trasferita dopo il matrimonio con il medico trentino Nene Menapace. 

La sua storia

Lidia Menapace prende parte giovanissima alla Resistenza come staffetta partigiana. Entra in una formazione della Val d’Ossola diventando sottotenente con il nome di battaglia “Bruna”. A 21 anni si laurea con il massimo dei voti in Letteratura italiana all’Università Cattolica di Milano. Il dopoguerra la vede impegnata nei movimenti cattolici, in particolare la Fuci (Federazione universitaria cattolica italiana) e poi nella Democrazia Cristiana.

Nel 1964, candidata con la Dc, viene eletta prima donna nel consiglio provinciale di Bolzano, dove si era trasferita dopo il matrimonio con il medico trentino Nene Menapace (morto nel 2004), diventando assessora effettiva per affari sociali e sanità. Nei primi anni Sessanta diviene di lettore di Lingua italiana e metodica degli studi letterari all’Università Cattolica: l’incarico non le viene rinnovato nel 1968 dopo la pubblicazione del documento “Per una scelta marxista”. Dopo la uscita in quello stesso anno dalla Dc, Menapace si avvicina al Partito comunista italiano. Nel 1969 è tra i fondatori del primo nucleo del manifesto, sul quale scriverà regolarmente fino alla metà degli anni Ottanta. Nel 1973 è tra le promotrici del movimento Cristiani per il Socialismo. Dal 2006 al 2008 senatrice di Rifondazione comunista, nel 2011 è entrata nel Comitato Nazionale dell'Anpi.

Il cordoglio di Anpi Novara 

"E oggi, quando ogni speranza di averti ancora con noi se n'è andata, proviamo solo una tristezza senza confini, - scrivono da Anpi Novara - ci mancheranno il tuo sorriso, la tua determinazione sempre accompagnata da ironia e leggerezza, ci mancherà la tua capacità di analizzare e interpretare il presente e di saperlo raccontare con lucidità per trovare il modo di migliorarlo, mancherà il tuo non arrenderti mai davanti ad ogni ostacolo. Lasci a noi la grande responsablità di portare avanti le tue battaglie per un futuro migliore. A questa responsabilità non ci sottrarremo, certi di sapere che la tua passione e la tua energia ci sosterranno sempre e comunque. Sei nella nostra voglia di continuare il cammino nella difesa della nostra Costituzione e nella diffusione dei suoi principi e dei suoi valori. Sei negli occhi e nel desisderio di cambiare dei tanti giovani che, nelle scuole, hai incontrato. Sei e sarai, Lidia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, fino a quando il Piemonte sarà in zona arancione?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento