Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

Mohamed Ayachi Oualid lavorava in una casa di riposo a Legnano

É deceduto ieri, giovedì 2 aprile, nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Maggiore di Novara a 51 anni.

Mohamed Ayachi Oualid abitava a Novara, insieme alla moglie e ai suoi quattro figli. Da più di dieci anni lavorava alla casa di riposo Sant’Erasmo di Legnano. Si è ammalato il 9 marzo e le sue condizioni sono peggiorate, tanto che il 12 marzo era stato necessario il ricovero nel reparto Covid e poi il trasferimento in terapia intensiva, dove è deceduto.

Grande cordoglio tra i colleghi della casa di riposo e tra i membri della comunità tunisina novarese. La dirigenza del Rsa Sant'Erasamo ha annunciato che destinerà una parte dei fondi raccolti in queste settimane alla famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

Torna su
NovaraToday è in caricamento