rotate-mobile
Cronaca

Naufragio Costa Concordia: tra i dispersi anche 30enne biellese

Manca ancora all'appello Maria D'Introno, giovane sposa residente a Cavaglia' (Biella). La donna, moglie di Vincenzo Rosselli, era sulla nave con i familiari del marito, che sono tutti salvi e si trovano a Porto Santo Stefano

Sono ancora 16 i dispersi del naufragio della nave Costa Concordia, avvenuto nella serata di venerdì 13 gennaio al largo delle coste toscane dell'Isola del Giglio.

Tra le persone che mancano all'appello c'è anche una giovane sposa residente a Cavaglià, in provincia di Biella. Maria D'introno, 30enne, si trovava sulla nave con la sua famiglia: il marito Vincenzo Rosselli, 40 anni, i cognati e i suoceri, che festeggiavano le nozze d'oro.

Tutta la famiglia, originaria della provincia di Bari, è riuscita a salvarsi, raggiungendo la riva a nuoto. Ora si trovano ancora a Porto Santo Stefano. La giovane donna, invece, non è ancora stata ritrovata: Maria è l'unica a non saper nuotare e ad avere paura dell'acqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Naufragio Costa Concordia: tra i dispersi anche 30enne biellese

NovaraToday è in caricamento