Novara, scuole allagate: Ncd contro Fonzo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Dopo il temporale di mercoledì 4 giugno, che ha portato alla chiusura della scuola dell'infanzia Sulas e dell'asilo nido Arcobaleno di via Pianca, noi giovani del Nuovo CentroDestra abbiamo posto l'attenzione sulla sicurezza nelle scuole con il coordinatore provinciale Federico Binatti ed il consigliere comunale Paolo Coggiola.

Il vice sindaco Nicola Fonzo diceva solo pochi giorni fa agli organi di stampa: "I due problemi sostanziali che si erano verificati in via Pianca per la scuola materna Sulas e per il nido Arcobaleno, in seguito alle pesanti piogge, sono risolti. Per quanto concerne l’ingresso del plesso si era sin da subito capito che le problematiche sarebbero state risolte in pochissimo tempo".

Alcuni genitori oggi ci hanno riferito che la problematica si è ripresentata e che la scuola materna rimarrà ancora chiusa. Questa è per noi una situazione vergognosa che mette in evidenza la fallimentare esperienza di quella classe dirigente che governa la Città da tre anni e che si è solo preoccupata di minimizzare l'accaduto.

"Dei genitori ci hanno riferito che la scuola materna Sulas è rimasta chiusa ieri (lunedì 16 giugno) e rimarrà chiusa anche oggi (martedì 17 giugno) perchè inagibile dopo le piogge del fine settimana - spiega Ivan De Grandis, il coordinatore dei giovani Ncd -. Per noi ci sono delle priorità, e la sicurezza nelle nostre scuole è in cima a quelle priorità. Ora è necessario individuare i responsabili, c'è una Giunta (o alcuni componenti di essa) che ha preso sotto gamba la manutenzione di luoghi che devono essere i più sicuri di tutti, perché va tutelato il diritto dei bambini di imparare e crescere in totale sicurezza, e vanno date garanzie alle famiglie, perché devono sapere che i loro figli passano gran parte della giornata in posti sicuri. Per questo la scorsa settimana abbiamo dato vita ad un sit-in davanti al plesso scolastico interessato. E per questo, dopo la segnalazione di oggi, chiediamo che si risolvano quanto prima - e questa volta veramente - le problematiche che interessano l'istituto e che l'amministrazione ci dica finalmente se le scuole novaresi sono sicure. Non aspettiamo che le situazioni si aggravino! Le parole del vice sindaco Fonzo della settimana scorsa ci suonano male. Le cose sono due: o il vice sindaco Fonzo crede di poter prendere in giro la cittadinanza come vuole, o la struttura era inagibile ma comunque è stata aperta mettendo a rischio la sicurezza dei bambini, cosa gravissima. In ogni caso lasci il posto a qualcun altro".

Torna su
NovaraToday è in caricamento