Cronaca Oleggio

Omicidio di Oleggio, Lasco in carcere in assoluto silenzio

L'uomo, prelevato dai carabinieri dalla sua abitazione, non ha proferito parola

Da quando è salito sulla vettura dei carabinieri non ha pronunciato alcuna parola. È in carcere, in silenzio, in attesa dell’interrogatorio di garanzia Vincenzo Lasco, il 64enne oleggese ritenuto responsabile dell’omicidio di Michele Bonetto, 45enne di Castelletto Ticino.

La tragedia si è consumata nel pomeriggio di venerdì 28 aprile, in via Fratelli Cantoni, dove Lasco risiede al civico 4. Bonetto si è presentato da lui per chiarire alcune questioni ancora non note: ne sarebbe nata una violenta discussione sul pianerottolo dell’abitazione al terzo piano del condominio e da qui la coltellata al torace. Quando i carabinieri di Novara e Oleggio sono arrivati sul posto l'uomo era in casa: è stato arrestato e portato in carcere.

Il nucleo investigativo dei carabinieri di Novara sta continuando le indagini e l’interrogatorio di garanzia è previsto entro martedì. Nel frattempo si attende anche l’autopsia sul corpo di Bonetto. Lasco al momento non ha proferito alcuna parola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Oleggio, Lasco in carcere in assoluto silenzio
NovaraToday è in caricamento