rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca

Tornano le Olimpiadi delle Neuroscienze: Piemonte campione in carica

Anna Pan di Novara è la campionessa del 2014. Dopo aver vinto la finale di Trento, si è classificata sesta alla finale mondiale di Washington, prima tra gli studenti europei

Torna l'appuntamento con le Olimpiadi delle Neuroscienze, a cui lo scorso anno hanno partecipato circa 300 studenti piemontesi.

A vincere la passata edizione, la studentessa del Liceo Antonelli di Novara Anna Pan, che dopo aver vinto la finale nazionale di Trento si è classificata sesta alla finale mondiale di Washington, prima tra gli studenti europei in gara.

Ragazzi e ragazze di tutto il mondo in gara per stabilire chi ha il "miglior cervello" su argomenti come l’intelligenza, la memoria, le emozioni, lo stress, l'invecchiamento, il sonno e le malattie del sistema nervoso. Le Olimpiadi delle Neuroscienze costituiscono le fasi locali e nazionali della International Brain Bee, competizione internazionale a tre livelli - locale, regionale e nazionale - che mette alla prova studenti delle scuole medie superiori sul grado di conoscenza nel campo delle neuroscienze.

Scopo principale della competizione - organizzata dall’Università di Brescia e in Piemonte dal Nico, Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi di Orbassano (Università di Torino) - è diffondere fra i giovani l'interesse per le neuroscienze, accrescendo la consapevolezza nei confronti della parte più "nobile" del loro corpo.

La IBB, nata all’Università del Maryland nel 1998 con 12 tappe locali in Nord America, è cresciuta fino a coinvolgere oltre 30 nazioni in 6 continenti, per un totale di 30mila studenti nel mondo, tra cui i 300 che ogni anno partecipano in Piemonte. La prima edizione italiana, promossa dall’Università di Trieste, si è svolta nel 2010 con la partecipazione di 5 regioni, mentre le edizioni successive hanno registrato un sempre maggiore successo, fino a coinvolgere quest’anno tutte le regioni italiane.

Le Olimpiadi in Piemonte si articolano in tre fasi: locale, regionale e nazionale. La selezione locale si svolgerà il 21 febbraio presso le scuole. Qui ogni scuola dovrà individuare i 5 migliori studenti sulla base di un test messo a punto dal board nazionale.

La fase regionale, in programma il 21 marzo, si svolgerà presso il Dipartimento di Anatomia dell’Università di Torino. I ragazzi si cimenteranno con cruciverba a gruppi, domande a scelta multipla e infine a risposta diretta, ovviamente su temi di neuroscienze. I 3 migliori studenti per ogni regione affronteranno la finale nazionale, in programma all’Università di Brescia il 18 aprile. Il vincitore, che rappresenterà l'Italia, riceverà una borsa di studio per partecipare alla competizione internazionale di Cairns, Australia, ad agosto.

I docenti possono iscrivere le classi fino al 31 gennaio 2015 compilando il form online sul sito www.nico.ottolenghi.unito.it - sezione SCUOLE dove sono disponibili anche i materiali didattici per prepararsi ad affrontare al meglio le prove.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano le Olimpiadi delle Neuroscienze: Piemonte campione in carica

NovaraToday è in caricamento