menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Guasto alla linea e pendolari sui binari: traffico in tilt sulla linea Domodossola-Milano

E' successo mercoledì mattina. Ritardi fino a 200 minuti per i treni in viaggio

Ancora un guasto sulla linea dei pendolari, che ancora una volta si ritrovano a piedi lungo i binari, con il conseguente blocco dei treni in viaggio.

E' successo nella mattinata di oggi, mercoledì 4 luglio: il guasto riguarda il treno 23015 della linea S5 Varese-Treviglio, fermo poco dopo Legnano, ma i problemi interessano anche i pendolari novaresi delle tratte Domodossola-Milano e Novara-Milano. I disagi maggiori si sono avuti proprio sulla linea che collega il Lago Maggiore al capoluogo lombardo, dove si sono registrati ritardi fino a 200 minuti per i treni in viaggio, mentre 10 regionali sono stati cancellati e altri 18 limitati nel percorso, a causa di un guasto alla linea elettrica di alimentazione dei treni, di competenza Rfi, tra le stazioni di Legnano e Parabiago e della presenza di persone non autorizzate sui binari.

Secondo quanto riportato da alcuni viaggiatori, sui gruppi Facebook dei pendolari, infatti, l'ultima vettura del treno 23015 sarebbe stata colpita da un cavo della linea aerea di alimentazione, che avrebbe provocato fumo e scintille. Per questo motivo, alcuni viaggiatori, spaventati, sarebbero scesi dal treno e avrebbero proseguito a piedi, bloccando ulteriormente le linee. Oltre al treno guasto, infatti, sono diversi i treni fermi sui binari, che hanno accumulato ritardi di oltre un'ora.

Sul posto sono intervenuti i tecnici di Rfi, per risolvere il guasto e spostare il treno guasto, oltre alle forze dell'ordine.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Novara usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Piemonte si potrà fare visita ai pazienti ricoverati in ospedale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento