Novara, perseguita e minaccia una donna: in carcere per stalking

L'uomo aveva inviato alla donna un macabro conto alla rovescia

Perseguitava e minacciava una donna, ma grazie alle indagini della polizia è finito in carcere prima che potesse farle del male.

La divisione anticrimine della questura di Novara, in stretta collaborazione con la procura, ha arrestato un 49enne novarese che perseguitava una 30enne.

La prima segnalazione

La prima segnalazione era arrivata a settembre 2018, quando la donna molto spaventata si era rivolta alla polizia. Per lui era arrivato un ammonimento del Questore, primo strumento preventivo per la lotta a questo tipo di reato, e poi la denuncia in stato di libertà per stalking.

Per un po' il 49enne ha desistito, ma poi è tornato alla carica con continui messaggi offensivi e minacciosi, appostandosi sotto casa e seguendola nei luoghi pubblici che lei frequentava, tanto che la 30enne spaventata era arrivata addirittura a cambiare abitazione. La polizia ha ricostrutito la loro relazione, scoprendo che in passato i due erano stati amici e che l'uomo ad un certo punto avrebbe iniziato ad avere una sorta di ossessione per la ragazza. 

Il conto alla rovescia

Nelle ultime settimane il 49enne aveva iniziato ad inviare messaggi con una sorta di conto alla rovescia, uno al giorno, come se dopo qualche giorno dovesse accadere qualcosa. Vista la situazione questura e procura si sono mosse prima che l'uomo potesse colpire e hanno ottenuto per lui la custodia cautelare in carcere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'importanza di denunciare

"Abbiamo voluto far sapere alla gente questa vicenda perchè è importante che sia chiaro che non bisogna perdere la fiducia e la speranza e che bisogna rivolgersi a noi" ha detto il questore Rosanna Lavezzaro durante la conferenza stampa. "Non possiamo sapere cosa avrebbe fatto una volta terminato il countdown - ha spiegato il procuratore Marilinda Mineccia - Quello che vogliamo chiarire è che rivolgersi alle autorità serve, gli strumenti ci sono e, come in questo caso, funzionano". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Novara, ragazzino cade dal muro dell'Allea e precipita per 7 metri

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Elezioni comunali 2020, tutti i risultati nel novarese e nel Vco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento