rotate-mobile
Cronaca

Caccia: il Tar sospende il calendario venatorio in Piemonte

Bloccata la stagione di caccia, che avrebbe dovuto aprirsi il 29 settembre. Cota: "Non dico che cosa penso della decisione del Tar. E' meglio. Martedì risolveremo questo ennesimo problema"

Il Tar del Piemonte ha sospeso il calendario venatorio regionale.

Tradotto in parole povere: bloccata la stagione di caccia che avrebbe dovuto cominciare il prossimo 29 settembre. ll Tribunale amministrativo regionale ha infatti accolto un ricorso presentato dalle associazioni ambientaliste.

Non solo, sono bloccati anche tutti gli atti connessi al provvedimento, compresa una delibera con le linee guida per il prelievo degli ungulati selvatici e della tipica fauna alpina, e con i criteri per l'ammissione dei cacciatori nei Ca e negli Atc. Stop anche alla delibera regionale sul periodo per la caccia alle specie migratorie da appostamento temporaneo.

Una vittoria per gli animalisti e gli ambientalisti, un'ennesima "gatta da pelare" per il presidente della Regione Roberto Cota, che ha dichiarato: "Non dico cosa penso della decisione del Tar. E' meglio. Martedì risolveremo questo ennesimo problema che ci hanno creato. Dico a Sacchetto che deve avere pazienza, certe cose fanno arrabbiare, ma lui è il miglior assessore all'agricoltura che la Regione abbia mai avuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia: il Tar sospende il calendario venatorio in Piemonte

NovaraToday è in caricamento