Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Coronavirus, arriva la conferma: Novara e il Piemonte in zona arancione

Pronta l'ordinanza del ministro Speranza

Il Piemonte è ufficialmente in zona arancione.

Dopo giorni di attesa, con numeri che non facevano certo ben sperare, è arrivata la conferma dalla Regione: da lunedì 1 marzo il Piemonte passerà in zona arancione. "Il ministro Speranza mi ha comunicato che in base ai dati del Report settimanale, validato oggi dal CTS e dal Ministero della Salute, il Piemonte da lunedì 1 marzo passerà in zona arancione - ha detto il governatore Alberto Cirio - L’Rt è cresciuto e si attesta sopra l’1 e la pressione ospedaliera sta aumentando. Ci viene chiesto purtroppo un nuovo sforzo e so che è un sacrificio grande. Al nuovo Governo abbiamo sollecitato che i ristori per le attività costrette a fermarsi siano immediati. È fondamentale".

Zona arancione: tutte le regole aggiornate per spostamenti, bar, ristoranti, negozi e sport

Da lunedì quindi tutto il Piemonte sarà zona arancione: torna il divieto di spostamento al di fuori del proprio comune, se non per i motivi specificati nelle faq. Rimane invece la possibilità per due persone (più figli under 14 o disabili) di andare a trovare parenti e amici e la possibilità per chi abita in comuni con meno di 5mila abitanti di spostarsi nel raggio di 30km, ma non verso il capoluogo di provincia.

Ancora in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5, mentre chiudono bar e ristoranti, ma rimane la possibilità di asporto fino alle 18 per i bar e fino alle 22 per i ristoranti. Sono aperti invece i negozi di ogni genere, ma centri commerciali e mercati al coperto devono chiudere nei giorni festivi e prefestivi.

Zona arancione: le faq aggiornate

Le regole in sintesi

  • è vietata la circolazione dalle 22 alle 5;
  • non si può uscire dal proprio comune; 
  • i centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi;
  • i negozi sono aperti;
  • bar e ristoranti sono chiusi; è consentito l'asporto fino alle 22, fino alle 18 per i bar; consegna a domicilio sempre consentita;
  • il trasporto pubblico ha una capienza del 50%;
  • piscine, palestre, cinema e teatri sono chiusi;
  • i musei sono chiusi;
  • la didattica nelle scuole superiore è in presenza dal 50 al 75%. 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, arriva la conferma: Novara e il Piemonte in zona arancione

NovaraToday è in caricamento