Arrestano criminali, lottano contro le mafie e salvano vite: chi sono i poliziotti di Novara

Premiati sei agenti che si sono distinti per indagini o interventi

Due agenti premiati

Tre hanno svolto un'indagine che ha portato al sequestro di 7 milioni di euro a un clan malavitoso, uno ha fatto arrestare sei persone per ricettazione, un altro ha sgominato una banda di rapinatori e l'ultimo ha salvato la vita a un ragazzo che stava cadendo da un ponte.

Sono questi i membri della polizia che hanno ricevuto lodi ed encomi durante la festa del 166esimo anniversario della fondazione del corpo. Martedì 11 il questore Gaetano Todaro nel suo discorso ha ricordato "l'impegno di tutti. Sono grato a tutti coloro che quotidinamente garantiscono la sicurezza dei cittadini, soprattutto in un periodo in cui la minaccia principale è il terrorismo, che va estripato come metastasi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante la cerimonia sono stati premiati il sostituto commissario Marco Fullin, che ha ricevuto un encomio per aver partecipato ad una laboriosa indagine patrimoniale che si è conclusa con il sequestro, a carico di appartenenti ad un clan malavitoso, di beni mobili ed immobili per un valore complessivo di 7 milioni di euro. Per la stessa indagine del 2016 hanno ricevuto una lode anche il sovrintendente Salvatore Carta e l’agente scelto Laura Persia. Encomio invece al sovrintendente Emiliano Cangini,  per essersi distinto in una indagine che ha permesso di assicurare alla giustizia l’autore di due rapine commesse ai danni di altrettanti autogrill. L’agente scelto Danilo Ruvolo ha ricevuto una lode per essersi distinto in un’attività di polizia giudiziaria che ha portato all'arresto di sei soggetti, resisi responsabili del reato di ricettazione. Infine attestato di pubblica benemerenza al valore civile all’assistente Gianmaria Trento, che, insieme a un collega, è intervenuto in soccorso di un ragazzo che sul cavalcavia XXV aprile voleva gettarsi nel vuoto. Nonostante il tentativo di instaurare un dialogo con il malcapitato, l’uomo ha tentato di lasciarsi cadere, ma il poliziotto ha scavalcato il muretto di protezione e, aggrappandosi alla rete, è riuscito ad afferrarlo e a trarlo in salvo, facendogli scudo con il proprio corpo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Novara, c'è la data ufficiale di apertura del supermercato Aldi in corso della Vittoria

  • Elettrocardiogrammi: dal 3 giugno necessaria la prenotazione per effettuare l'esame

  • Coronavirus, +57 positivi in Piemonte: stabile la situazione a Novara, ma c'è un decesso

Torna su
NovaraToday è in caricamento