rotate-mobile
Cronaca

Una città più virtuosa con la Comunità Ecosostenibile Novarese

E' stato presentato ieri, sabato 6 aprile, al Piccolo Coccia, il progetto promosso dal Comune di Novara che punta a migliorare la qualità della vità di Novara e dei novaresi

E' nata a Novara la Comunità Ecosostenibile Novarese, un progetto "verde" che cambierà e renderà ancora più virtuosa la città gaudenziana.

L'iniziativa - promossa dal Comune di Novara, sostenuta dalla Fondazione Cariplo e dalla cooperativa La Ringhiera, a cui partecipano molte realtà associative ed economiche novaresi - è stata presentata ieri mattina, sabato 6 aprile, al Piccolo Coccia. Presenti, al tavolo dei relatori, il vice sindaco Nicola Fonzo, l'assessore all'Ambiente Giulio Rigotti, il presidente della cooperativa La Ringhiera Emidio Panna, Franco Bontadini dell'associazione "Le mille città del sole", e Sergio Capelli dell'Esper (Ente di studio per la pianificazione ecosostenibile dei rifiuti).

Come spiegato dai relatori, la Comunità Ecosostenibile Novarese propone alcune azioni concrete connettendo tre macro-temi quali la riduzione dei rifiuti, il risparmio idrico e l'efficienza energetica. L'obiettivo generale è il coinvolgimento del maggior numero possibile di cittadini e delle loro associazioni in esperienze concrete che aiutino lo sviluppo della consapevolezza e delle implicazioni connesse alla sostenibilità non solo ambientale, ma anche economica e sociale.

"Con questo progetto - ha commentato il vice sindaco Nicolo Fonzo - prende il via un percorso che fa la differenza. Dobbiamo abbracciare un'idea diversa di sviluppo: è evidente che non possiamo tornare indietro, ma dobbiamo realizzare un modo diverso di stare assieme, a partire proprio dalla comunità".

"Non siamo qui per presentare un pacchetto chiuso - ha aggiunto l'assessore Rigotti - ma per comunicare l'avvio di un processo. Siamo il capoluogo con il più alto indice di raccolta differenziata a livello nazionale, ma non dobbiamo sederci sugli allori di questa virtuosità. L'obiettivo di questo progetto è quello di consolidare e migliorare la virtuosità, in merito ai rifiuti e ad altri settori, come l'energia e l'econommia sostenibile. Questo è il momento per tentare di fare di più coinvolgendo l'intera cittadinanza".

Gli obiettivi sono diversi, a seconda dei diversi settori di interesse. Per il settore relativo ai rifiuti gli obiettivi sono: la riduzione della produzione di rifiuti tramite una pluralità di iniziative; la minimizzazione dell'impatto ecologico del servizio di raccolta rifiuti. Per il settore relativo all'energia, invece: i minori consumi nelle abitazioni e in generale nell'edilizia ad uso civile esistente. Per il settore relativo al ciclio dell'acqua, infine: la riduzione dei consumi pro-capite; l'incremento dell'utilizzo dell'acqua potabile.

"Queste azioni partono oggi (6 aprile, ndr) - ha aggiunto Rigotti - e si concluderanno nei prossimi 12 mesi. La speranza e l'obiettivo è che il progetto continui e non si fermi con il nostro lavoro. Il processo virtuoso della nostra comunità crediamo si possa valorizzare con queste azioni e con l'aiuto di tutti i cittadini".

"La caratteristica princiapale del progetto - ha spiegato Sergio Capelli della Esper - sono le sue azioni misurabili e perpetrabili nel tempo. Tra gli obiettivi principali, ci sono lo sviluppo dell'acqua potabile, il progetto di ecofeste e il progetto di ecomense, che punta a rendere verdi e sostenibili, almeno per l'anno scolastico 2013-2014. L'aspetto fondamentale è la territorialità: tutti gli attori devono essere novaresi".

Tutti i cittadini potranno aderire al progetto, sottoscrivendo gratuitamente una ecocard, che darà la possibilità di raccogliere ecopunti e avere diversi vantaggi. Tra le azioni che saranno messe in campo, anche il mercatino del riuso che sarà attivato nei locali Assa di viale Curtatone.

Riguardo al settore energia è intervenuto Emidio Panna: "Intendiamo recuperare l'energia di frenata dei mezzi di raccolta dei rifiuti, attraverso la sperimentazione su due veicoli di un alternatore che produca e immagazzini energia elettrica, per un risparmio di carburante fino al 40%".

Tra le iniziative, anche quella dei condomini ecosostenibili: "Intendiamo attivate - ha spiegato Franco Bontadini - interventi di riqualificazione energetica per ridurre i consumi di energia e acqua, valorizzando il patrimonio edilizio".

Sabato prossimo, infine, si terrà la festa inaugurale del progetto presso la sede di viale Curtatone 15.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una città più virtuosa con la Comunità Ecosostenibile Novarese

NovaraToday è in caricamento