rotate-mobile
Cronaca

Treni: la Provincia si mobilita per la Novara-Biella

Il treno, infatti, il pomeriggio transita da Novara ma non si ferma. Sozzani: "I sindaci si stanno organizzando per formulare una proposta che restituisca il servizio ai cittadini"

La Regione salva la Novara-Varallo, ma i pendolari della linea ferroviaria Novara-Biella hanno ancora grossi problemi e difficoltà.

Così, il presidente della Provincia di Novara Diego Sozzani ha voluto rispondere alle numerose sollecitazioni pervenute dai pendolari, dai sindaci e dagli studenti che si trovano a utilizzare quotidianamente la linea. Questa mattina ha incontrato a Palazzo Natta il sindaco di San Pietro Mosezzo Mauro De Gregori.

"Il treno - ha spiegato il sindaco di San Pietro Mosezzo (nella foto con Mantovani e Sozzani) - che al mattino si ferma regolarmente a raccogliere gli studenti e i pendolari diretti a Novara, nel pomeriggio, quindi all’uscita dalle scuole e dagli uffici, passa ma non si ferma. Come fanno a tornare a casa gli studenti? Che senso ha acquistare un abbonamento andata e ritorno se il ritorno non esiste?".

"I sindaci - ha commentato Sozzani - si stanno organizzando, stanno formulando una proposta che muove nel senso del buonsenso e della consapevolezza della situazione di difficoltà, ma che nel contempo restituisca il servizio ai cittadini. Sarò al loro fianco e loro capofila presso le sedi opportune nei modi e nei tempi che definiremo insieme, nonostante la Provincia non abbia alcuna competenza in tal senso, ma abbia dovuto altresì subire un taglio epocale dei contributi sul trasporto pubblico locale, non ultimo i recentissimi ulteriori 100mila euro (serviti in quota parte al finanziamento della Novara-Varallo)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni: la Provincia si mobilita per la Novara-Biella

NovaraToday è in caricamento