Ecosistema Scuola: Novara sale al 58° posto in classifica

Secondo il rapporto di Legambiente sulla qualità delle strutture e dei servizi scolastici, il 43,5% delle scuole piemontesi necessita di manutenzione urgente

Le scuole piemontesi sono sempre meno sicure: drasticamente in calo la manutenzione ordinaria degli edifici scolastici, quasi assente quella straordinaria.

A rivelarlo è la quindicesima edizione di Ecosistema Scuola, il rapporto di Legambiente sulla qualità delle strutture e dei servizi della scolastici in Italia. Secondo l'indagine, infatti, il 43,5% delle scuole piemontesi necessita di interventi di manutenzione urgente, contro la media nazionale che si attesta al 32,5%.

In Piemonte è infatti in tracollo il dato sulla manutenzione ordinaria che presenta una media di investimenti per scuola di 3.857 euro a fronte degli 11.863 dell’anno precedente. In caduta libera anche gli investimenti per la manutenzione straordinaria: in appena tre anni si è passati dai 63.533 euro medi per istituto scolastico del 2011, ai 16.164 euro del 2012, fino ad arrivare ai 13.167 del 2013 (contro una media nazionale di 17.614 euro). E questo si riflette sulla crescita esponenziale della necessità di manutenzione urgente che, in appena tre anni, passa per le scuole piemontesi dal 24,2% al 43,5%.

Anche quest'anno la fotografia scattata dal rapporto, che ha preso in considerazione gli istituti di 94 capoluoghi di provincia, è poco rassicurante: il 58% delle scuole è stato costruito prima dell'entrata in vigore della normativa antisismica del 1974. Il 32,5% necessita di interventi urgenti di manutenzione. Il 9,8% degli edifici si trova in aree rischio idrogeologico, il 41,2% in aree a rischio sismico e l’8,4% a rischio vulcanico. Calano al 30,9% gli edifici dotati dei certificati essenziali come quello della prevenzione incendi, mentre solo 22,2% sono le scuole dove è stata effettuata la verifica di vulnerabilità sismica.

La crisi economica e la minore disponibilità dei Comuni ad investire, anche a causa dei vincoli posti dal patto di stabilità, ha portato inoltre ad un calo delle scuole che hanno servizi scuolabus (22,5%) e pedibus (5,2%). Dati positivi arrivano, invece, dalle pratiche sostenibili come la raccolta differenziata che registra il trend positivo del 2012. Diminuiscono invece i fondi destinati alla manutenzione ordinaria e straordinaria.

In questo contesto, la provincia di Novara si classifica, anche quest'anno ultima tra i capoluoghi piemontesi, al 58° posto (40,6%) nella graduatoria della qualità dell'edilizia scolastica. In Piemonte, ancora una volta, a primeggiare è Verbania (al 9° posto), seguita da Biella (tredicesima), Asti (diciottesima) e Torino (al 23° posto). Seguono poi Vercelli (26° posto), Asti (20°), Cuneo (34°) e Alessandria (40°). Unica nota positiva per la provincia di Novara arriva dal fronte dei servizi, dove (con Vercelli, Frosinone e Ragusa) si distingue per il servizio di scuolabus.

Accanto alle emergenze, però, ci sono le esperienze e le eccellenze che fanno ben sperare. Se da un lato la situazione degli edifici scolastici è preoccupante, dall’altro il Piemonte continua ad affermarsi nel campo dei servizi e delle buone pratiche: ben 3 comuni capoluogo si posizionano tra i primi 20 della graduatoria nazionale e Verbania ne è capofila. Si affermano per la raccolta differenziata soprattutto Novara, Asti, Biella, Cuneo, Torino. Buona la media percentuale dei pasti biologici utilizzati nelle mense scolastiche. Sempre nelle mense si preferisce alla carta e alla plastica mater bi e piatti di ceramica. I dati ci raccontano poi di scuole dove si utilizza l’illuminazione a basso consumo (62,4%) e dove si fa ricorso, nel 5,9% dei casi, a fonti di energia rinnovabile (solare fotovoltaico per il 100% dei casi e impianti a biomassa per il 6,9%). Buona, infine, la situazione delle certificazioni (passando dall’80% dell’agibilità all’86% di quella igienico-sanitaria) nonché dei requisiti di sicurezza come porte antipanico, prove di evacuazione e impianti elettrici a norma.

A guidare la graduatoria della qualità dell’edilizia scolastica anche quest’anno sono sempre le città del nord con Trento in prima posizione seguita da Pordenone (2º) e Forlì (3º). Unica eccezione è la citta di Prato in quarta posizione, seguita da altre città del nord: Reggio Emilia (5º), Piacenza (6º), Sondrio (7º), Bergamo (8º), Verbania (9º) e Bolzano (10º). Il sud rimane ancora indietro e compare solo a metà classifica con Lecce (21°). Tra le novità di quest’anno, il nuovo ingresso di Aosta che per la prima volta ha partecipato all’indagine di Legambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

  • Incidente mortale a Omegna: giovane perde la vita nello schianto tra un'auto e una moto

  • Batterio pericoloso: ritirato lotto di salmone prodotto a Borgolavezzaro

Torna su
NovaraToday è in caricamento