Cerano, le forze dell'ordine bloccano sul nascere un rave party

Centinaia di ragazzi si stavano recando in un capannone per fare festa

In barba alle regole anti-covid, centinaia di ragazzi stavano per partecipare ad un rave party stroncato sul nascere dalle forze dell'ordine.

Nella serata di sabato 10 ottobre polizia, carabinieri e guardia di finanza sono intervenuti a Cerano intorno alle 19, quando la polizia locale ha segnalato la presenza di alcune persone all'interno di un capannone della ditta Elmit in via Molino Vecchio. Le forze dell'ordine, coordinate dalla polizia, si sono immediatamente recate sul posto e hanno trovato alcuni giovani che stavano preparando casse, consolle e generatori di corrente per un rave party non autorizzato.

Una parte degli agenti e dei militari hanno presidiato la ditta, allontanando i ragazzi che stavano raggiungendo il capannone, mentre altre pattuglie delle forze dell'ordine hanno intercettato sulla strada e allontanato almeno 300 persone che si stavano recando alla mega festa. Grazie a questo intervento si è impedito che altre persone, provenienti da tutto il nord Italia e da altri paesi europei, raggiungessero la zona, evitando non solo problemi di ordine pubblico, ma scongiurando anche un possibile focolaio di covid, visto che ovviamente nessuna norma di sicurezza era stata predisposta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra gli organizzatori sono state denunciate sei persone per invasione di terreni e danneggiamenti; tra queste una è stata denunciata anche per aver fornito una falsa identità ad un pubblico ufficiale. Tutto il materiale e il furgone utilizzato per il trasporto sono stati sequestrati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, in Piemonte tamponi rapidi a pagamento anche per i privati cittadini

  • Coronavirus, troppi ricoveri a Novara: riapre un reparto covid al Maggiore

  • Coronavirus, da lunedì anche in Piemonte coprifuoco dalle 23 alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento