Chiede soldi per non pubblicare su internet un video hard: denunciato

É successo a Novara. I carabinieri mettono in guardia sulla pratica del sexting, cioè lo scambio di messaggi con video e foto dal contenuto sessuale

Minaccia di diffondere sul web un video hard e viene denunciato dai carabinieri. Questo è quanto è successo pochi giorni fa a Novara.

I dettagli della vicenda non sono stati resi noti, ma i carabinieri fanno sapere che sono molteplici le segnalazioni che giungono in caserma che riguardano l’uso sprovveduto del web soprattutto  a causa della recente pratica del sexting.

Il termine sexting, derivato dalla crasi delle parole inglesi sex (sesso) e texting (inviare sms) e riguarda l’abitudine, ormai diffusa anche tra gli adolescenti, di inviare messaggi video e/o fotografici con contenuti sessuali espliciti  tramite il cellulare o tramite altri mezzi informatici. 

Sono messaggi molto intimi che vengono scambiati tra partner  consolidati ma, purtroppo, anche tra interlocutori occasionali di cui si conosce poco o nulla  e che poi possono rivelarsi veri e propri criminali. Ex partner delusi o criminali professionisti  pretendono soldi per non diffondere il video o la foto imbarazzante della loro vittima  sulla rete e sui principali siti social . 

L’allarme  conduce a rinnovare i consigli sulla cautela nell’uso della rete. Eventuali consigli possono essere consultati al sito dell’Arma dei carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie per gli addetti alla vendita e raccomandate per chi fa la spesa

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus: mascherine in distribuzione gratis a Novara, ma non in tutta la città

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus, diffusa su internet una falsa ordinanza: la denuncia della Regione

  • Coronavirus: in Piemonte 12442 casi positivi, a Novara 7 nuovi decessi

Torna su
NovaraToday è in caricamento