menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Novara, abiti firmati falsi: la Finanza sequestra 250 vestiti e accessori contraffatti

I capi di abbigliamento "taroccati" sono stati trovati in due appartamenti del centro. Denunciati due novaresi

In casa nascondevano capi di abbigliamento firmati ma falsi. La Guardia di Finanza li ha denunciati e ha sequestrato oltre 200 vestiti e accessori con marchi e loghi di prestigiose firme abilmente contraffatti.

E' successo a Novara nei giorni scorsi, in due appartamenti in pieno centro. L’operazione della Gdf si è conclusa con la denuncia a piede libero, per ricettazione e contraffazione di segni distintivi, di due persone, italiane e residenti in città, che avevano allestito presso le rispettive abitazioni delle vere e proprie "boutique" del falso d’autore.

Le indagini hanno avuto origine da un'attività di ricerca finalizzata all'acquisizione di notizie utili ad individuare soggetti dediti a tali traffici. Nel corso dell’attività info-investigativa è stata individuata una persona quale possibile autore del reato di commercio di prodotti contraffatti. Le successive attività di controllo nei confronti della persona hanno consentito ai finanzieri di appurare che l'uomo, benché dipendente di una società operante nel settore dei servizi alle imprese, svolgeva, di fatto, un secondo lavoro consistente nella vendita, in casa propria, di capi di abbigliamento contraffatto.

Le operazioni di perquisizione hanno portato al sequestro, nell’abitazione trasformata in negozio, di 61 capi di abbigliamento e pelletteria (borse, calzature, orologi, ecc.) di note marche. L’esame del telefono cellulare dell'uomo ha poi permesso di individuare, tramite Whatsapp, un altro soggetto che appariva essere il fornitore della merce. Le immediate operazioni di perquisizione svolte nei confronti di quest’altra persona hanno portato al rinvenimento e al sequestro, sempre in centro città, di ulteriori 181 capi di abbigliamento contraffatto.

I due responsabili sono stati denunciati all’autorità giudiziaria di Novara per detenzione di materiale contraffatto e nei loro confronti sono in corso accertamenti al fine di individuare i ricavi conseguiti per sottoporli a tassazione.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Coronavirus, in Piemonte oltre 22mila nuovi vaccinati

  • Incidenti stradali

    Schianto tra due auto tra Oleggio e Lonate, quattro feriti

  • Cronaca

    Coronavirus, morto medico di famiglia di Novara

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento