Gestione illecita di rifiuti: sequestrato un capannone a Recetto

Operazione della Forestale. Denunciato il titolare della struttura, che era adibita a centro di raccolta di rifiuti da demolizione di veicoli

Immagine di repertorio

Sequestrato un capannone a Recetto, dove venivano depositati rifiuti, anche pericolosi, in maniera incontrollata. L'operazione è stata eseguita mercoledì scorso dalla Forestale di Carpignano, in collaborazione con i carabinieri di Fara, che hanno posto a sequestro penale la struttura e l'area adiacente ad essa.

La struttura era adibita a centro di raccolta di rifiuti da demolizione di veicoli. Nel capannone e nell'area circostante è stata però trovata un’ingente quantità di rifiuti, depositati in maniera incauta ed  incontrollata. L’attività, inoltre, veniva svolta in assenza delle prescrizioni di legge previste per tali tipologie di attività inquinanti, a garanzia dell’integrità ambientale.

Il responsabile dell’area, un cittadino italiano, è risultato privo delle autorizzazioni ambientali previste per legge per l’espletamento di tale attività. Per questo motivo è stato deferito all’autorità giudiziaria per il reato di gestione illecita di rifiuti. In caso di condanna, rischia la pena dell'arresto da sei mesi a due anni e l'ammenda da 2600 euro a 26mila euro, oltre all'obbligo di ripristino dello stato dei luoghi con la conseguente bonifica dell’area.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, scuole chiuse e manifestazioni sospese a Novara: l'ordinanza del Comune

  • Coronavirus, tende da campo davanti al pronto soccorso di Novara

  • Coronavirus, tre casi probabili a Novara: famiglia in isolamento in ospedale

  • Coronavirus, in Piemonte un caso confermato: negativi gli altri 15

  • Incidente a Novara, è morto il bambino investito in corso Trieste

  • Incidente mortale in corso Trieste, il piccolo Achref travolto da una moto mentre era in bicicletta

Torna su
NovaraToday è in caricamento