rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Centro / Via Fratelli Rosselli

Novara: "Qualità dell'aria", ecco le azioni d'urto intraprese dal Comune

Il Comune di Novara gioca d'anticipo e prepara le azioni d'urto in città nel caso il livello di PM10, quello che monitorizza la qualità dell'aria, registri valori eccessivi. Ecco quali sono le precauzioni che intende intraprendere

Qualità dell'aria: livelli di PM10 ancora alti, ma in calo rispetto al passato, a Novara.

"La qualità dell'aria è un aspetto da difendere per la salute di tutti i cittadini, ecco perchè con l'anno nuovo inizieremo ad adottare misure che la tutelino sempre di più". Inizia con queste parole la conferenza stampa dell'assessore all'Ambiente Giulio Rigotti che ha presentato, nel pomeriggio di giovedì 20 dicembre, alla stampa novarese il report della qualità dell'aria nella città gaudenziana. "I livelli di pm 10 in città, stando agli ultimi dati Arpa sono ancora molto alti, per questo motivo abbiamo deciso che, a partire, dai primi giorni dell'anno nuovo, verranno effettuati controlli e provvedimenti atti a ridurre il livello delle polveri sottili nell'aria. Il provvedimento è stato sottofirmato anche dalla Provincia che supporta le azioni rivolte al contenimento del livello di polveri sottili nell'aria".

"Adotteremo azioni innanzitutto di contrasto - ribadisce Rigotti - provvedendo a limitare la circolazione delle auto in base alla corrispondenza europea di appartenenza oppure procedendo al provvedimento delle targhe alterne, che potrebbe tornare attivo nell'ultima settimana di gennaio e febbraio prossimo. Una commissione, poi, presieduta dall'assessorato, dal comandante dei Vigili, da Arpa e dal primo cittadino, terrà sotto osservazione la situazione a partire dai primi giorni del nuovo anno, provvedendo così ad applicare azioni d'urto, non appena i dati rileveranno delle emergenze. Cercheremo di controllare e che vengano rispettate le normative, sottolinea, riguardanti il riscaldamento nei locali pubblici".

Sul controllo più severo e mirato è intervenuto il comandante della Polizia Municipale, Paolo Cortese. "Adotteremo, qualora ve ne fosse necessità, provvedimenti di limitazione del traffico e targhe alterne, provvedimenti resi necessari per abbassare il livello di pm10 nell'aria. Nel piano preventivo prevediamo delle deroghe però verso gli ambulanti, categoria spesso dotata di mezzi datati e diesel non certo favorevoli a misure di questo genere, ma verso i quali dobbiamo porre attenzione. Cercheremo - tranquillizza Cortese - di fare una campagna informativa più tempestiva affinchè tutti i cittadini possano sapere come comportarsi. Verrà - spiega - risistemata tutta la segnaletica, agli ingressi della città, in modo da segnalare ai cittadini in entrata quali sono le criticità e i punti dove non è possibile transitare. Per questo motivo, dovrebbero arrivare, nelle prossime settimane, tutta una serie di segnali stradali che saranno posizionati nelle aree di ingresso cittadine. Nuove regole - spiega infine Cortese -  anche per i condomini: il riscaldamento dovrà rimanere accesso per 13 ore e non più per 14 ore al giorno. Ed in più abbiamo riservato tre domeniche di chiusura totale al traffico, ma su questo valuteremo la situazione più avanti".

"Vorremmo che i cittadini - auspica Rigotti -  prendano cognizione di quanto il problema ambientale possa incidere sulla qualità della vita e sulla salute di tutti quanti. Il provvedimento che adottiamo va verso la direzione della tutela della salute dei nostri cittadini. A tal proposito, per una formazione di maggiore coscienza dei cittadini, inizieremo una campagna di sensibilizzazione nelle scuole. Per favorire il commercio, invece, adotteremo la politica del biglietto unico, al prezzo di 1,30 a giornata sui mezzi pubblici. Con quel biglietto il cittadino potrà circolare liberamente un'intera giornata, nel sabato e nelle domeniche dei novaresi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara: "Qualità dell'aria", ecco le azioni d'urto intraprese dal Comune

NovaraToday è in caricamento