rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Casalino

Casalino: ancora niente tangenziale, ma arrivano gli "speed-check"

Il provvedimento arriva in seguito alle richieste dei cittadini, che hanno chiesto all'amministrazione un preciso impegno in merito alla sicurezza stradale. Ferrari: "Chiederemo il nulla osta alla Provincia di Novara"

A Casalino non è ancora tempo per parlare della tangenziale, ma il Comune ha deciso di intervenire sulla sicurezza stradale.

Come? Installando una serie di "speed-check", i famosi dissuasori di velocità arancioni, già presenti in altri comuni del territorio novarese. Secondo l'amministrazione comunale di Casalino questo sistema potrà fornire risposte concrete ad un consistente numero di cittadini che hanno chiesto al Comune un preciso impegno legato alla sicurezza, in attesa della realizzazione della variante della Sp 11/R.

"Chiederemo - ha detto a riguardo il sindaco Sergio Ferrari - il nulla-osta alla Provincia per il posizionamento di questi dissuasori lungo i tratti urbani della Sps 11/R, negli abitati di Orfengo, Cameriano, Casalino e alle Case Sparse di Cameriano, dove a breve sarà istituito il limite dei 70 km/h. Ci tengo a precisare fin da subito che questi ‘speed-check’ non avranno il compito di ‘tartassare’ gli automobilisti, bensì il ruolo di ‘rallentatori’, per prevenire incidenti e/o situazioni spiacevoli".

Nonostante l'intervento, il Comune ribadisce che per ridurre i problemi e il passaggio degli autoveicoli, soprattutto mezzi pesanti, all'interno dell'abitato di Casalino è e rimane necessaria la tangenziale, obiettivo principale per la sicurezza stradale del paese.

"Il Comune di Casalino - ha proseguito il primo cittadino - non ha mai ostacolato né il progetto né il tracciato della tangenziale di Cameriano e di  Orfengo, tanto più che nel settembre 2011 è stato anche promosso un referendum sull’argomento, che ha visto la massiccia adesione della  popolazione. Stiamo elaborando le ultime modifiche al Piano regolatore per essere pronti a recepire il nuovo tracciato, che risulterà fondamentale anche per il ‘decollo’ dell’area industriale di Orfengo, posta nelle immediate vicinanze del Casello dell’autostrada A26. La Provincia di Novara ed il suo presidente, così come quella di Vercelli, stanno seguendo la situazione con la massima attenzione; chiediamo pertanto al presidente Cota, con il quale ho avuto un incontro prima di Natale, di far sì che la Regione Piemonte metta a disposizione i fondi per la realizzazione dell’opera. Questa è poi l’occasione per rinnovare un deciso impegno verso un'opera irrinunciabile, con le due frazioni che sopportano quotidianamente oltre 24mila mezzi al giorno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casalino: ancora niente tangenziale, ma arrivano gli "speed-check"

NovaraToday è in caricamento