rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca

Novara, suona alla porta della vicina di casa e la stupra più volte

La donna dopo la violenza è riuscita a colpire l'aggressore e a farlo fuggire. L'uomo si è poi barricato in casa

Suona alla porta della vicina, con una scusa lo convince a farla entrare e per lei inzia l'incubo.

Le minacce per entrare in casa

Nella serata di mercoledì 26 settembre la donna si trovava nella sua abitazione quando ha sentito il capanello. Alla porta ha trovato un vicino che le chideva di entrare: la donna, pur conoscendolo solo di vista, si è fatta convincere ad aprire. Solo allora si è accorta che l'uomo, ubriaco per aver appena finito di festeggiare il suo compleanno, era in mutande. La donna ha cercato di chiudere la porta per non farlo entrare ma il vicino, brandendo un pezzo di legno e minacciandola di morte, è riuscito a spingerla all'interno.

La violenza

A quel punto l'uomo ha chiuso la porta a chiave e, continuando con le minacce, ha picchiato la donna e l'ha violentata più volte. Lei, continuando a cercare di difendersi, dopo la violenza è riuscita a colpirlo alla testa con un deumidificatore di ceramica. Visto che l'uomo non desisteva la vittima ha afferrato un insetticida e lo ha spruzzato negli occhi al suo aggressore, mettendolo finalmente in fuga. 

La denuncia e le indagini

La donna ha poi chiamato un'amica e insieme sono andate in Questura a sporgere denuncia. La vittima, che è stata poi accompagnata al pronto soccorso, ha descritto con precisione il suo aggressore, specificando che aveva un taglio sulla fronte. A quel punto sono iniziate le indagini: nell'arco della giornata successiva gli agenti della Squadra Mobile guidata dal vice questore aggiunto Valeria Dulbecco, grazie ad una serie di appostamenti, sono riusciti ad individuare l'autore della violenza.

L'arresto

L'uomo si era barricato in casa e, all'arrivo degli agenti, ha finto che non ci fosse nessuno nell'abitazione. Poi, dopo ore di trattative, sotto minaccia di un'irruzione, si è convinto ad aprire ed è stato arrestato. Nella mattinata di lunedì il G.I.P., vista l’estrema gravità dei fatti, ha disposto per lui la custodia cautelare in carcere.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, suona alla porta della vicina di casa e la stupra più volte

NovaraToday è in caricamento