Sversamenti illeciti di rifiuti nel Lago D'Orta, sequestrate due ditte di pulitura metalli a Paruzzaro

Entrambe le aziende erano prive delle autorizzazioni ambientali

I controlli dei carabinieri forestali della stazione di Nebbiuno hanno portato al sequestro di due aziende non in regola con lo smaltimento degli scarti di produzione.

Entrambe le ditte di Paruzzaro operavano nel settore della pulitura metalli ed, al controllo, sono risultate del tutto prive di autorizzazioni ambientali, sia alla gestione dei rifiuti, sia alle emissioni gassose in atmosfera. Entrambi i rappresentanti legali della ditta, due cittadini albanesi residenti in provincia, sono stati denunciati per esercizio dell’attività in assenza dell’autorizzazione all’immissione di fumi in atmosfera ed illecita gestione di rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguito dei numerosi sversamenti illeciti di rifiuti nel lago d’Orta, registrati ancora sino alla passata primavera, i carabinieri hanno avviato una puntuale campagna di controlli presso le aziende del settore presenti in provincia. Da inizio anno sono stati una trentina i controlli effettuati. I carabinieri del nucleo forestale, già quest’anno, hanno sequestrato otto aziende, incluse quelle di oggi. Il numero totale, negli ultimi due anni, sale a tredici ditte, risultate tutte prive delle necessarie autorizzazioni ambientali o, comunque, operanti in violazioni ad esse. 

"Gli sversamenti illegali a lago - spiegano i carabinieri di Nebbiuno - anche se prodotti con micro smaltimenti, sommati nel loro insieme, finiscono inevitabilmente per comportare un progressivo  deterioramento della qualità delle acque, del patrimonio naturalistico e degli equilibri ambientali degli ecosistemi lacustri. Per questo, l’azione di prevenzione e repressione proseguirà sino a totale eradicazione del fenomeno criminale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Cameri, tutti a guardare il cielo per l’atterraggio delle Frecce Tricolori

  • Novara, le mascherine gratuite si ritirano in farmacia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Cornavirus, primo sabato sera di apertura di bar e ristoranti a Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento