Tentato omicidio e sequestro di persona tra la Brianza e il comasco: in manette due novaresi

Cinque in tutto gli arresti eseguiti tra le province di Como e Novara dai carabinieri per una vicenda che risale al settembre dell'anno scorso

Foto di repertorio

Cinque arresti tra le province di Como e Novara per omicidio, sequestro di persona e rapina. Tra loro, anche due novaresi residenti in provincia, finiti in manette ieri, martedì 12 maggio, al termine di un'operazione dei carabinieri di Lurate Caccivio (Como).

L’indagine è partita nel settembre dello scorso anno, quando nelle vicinanze di un kartodromo della provincia di Como venne ritrovato un uomo sanguinante, in stato di semi-coscienza e con gravi lesioni. Secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma, la vittima era un artigiano che si era recato al centro commerciale Bennet di Lentate sul Seveso (Monza Brianza) per un appuntamento con una cliente, che avrebbe dovuto affidargli dei lavori. Giunto sul punto però, l’uomo aveva trovato oltre alla donna altre quattro persone, che avevano iniziato a picchiarlo selvaggiamente, colpendolo alla testa con una grossa chiave inglese, oltre che sul resto del corpo con calci e pugni. A questo punto gli aggressori avevano caricato in macchina la vittima, contro la sua volontà, portandolo prima nel parcheggio di un cimitero e poi in una zona boschiva non lontano dal kartodromo, dove avevano continuato a colpirlo con calci e pugni, fino a lasciarlo incosciente, per poi fuggire con il suo cellulare. L'uomo è stato poi soccorso e portato in ospedale, dove è stato medicato: per lui, una prognosi di 35 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i carabinieri, all'origine della violenta aggressione ci sarebbe la vendetta: gli aggressori avrebbero infatti voluto punire un presunto tentativo di truffa commesso in precedenza dall’uomo ai danni della donna con la quale aveva appuntamento. Secondo loro l’artigiano li aveva truffati, impegnandosi per un lavoro mai iniziato, ma per il quale aveva percepito una caparra di 500 euro, tra l’altro poi restituita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Novara, ragazzino cade dal muro dell'Allea e precipita per 7 metri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento