menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso trapianto sospetto al Maggiore: "la Regione tace su una vicenda di malasanità"

A parlare l'avvocato della famiglia di Antonio Fusaro, il paziente che è deceduto dopo un intervento al cuore e al successivo trapianto

La famiglia Fusaro non si arrende e vuole scoprire se ci sono state irregolarità durante gli interventi a seguito dei quali Antonio Fusaro è morto

"La Regione Piemonte non risponde alle richieste del Ministero della Salute in ordine alla predisposizione di una relazione aggiornata sulla vicenda" spiega l'avvocato Mario Murano. 

"É davvero stupefacente che la Regione Piemonte possa mantenere un ostinato silenzio sulla gravissima vicenda di malasanità - prosegue Murano - resa ancora più grave dalle anomalie rilevate dai periti nominati dal GIP di Novara sulle cartelle cliniche. Venerdì scorso ho sollecitato il Ministero, a cui ho inviato le gravissime conclusioni a cui sono pervenuti periti del Tribunale sull'anomala predisposizione delle cartelle cliniche, ad attivare i poteri ispettivi affinché possa cessare il clima di pressante copertura delle responsabilità istituzionali dell'Azienda Ospedaliera Universitria di Novara e della Regione Piemonte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento