Cronaca

"A sua nipote servono i soldi per il vaccino contro il coronavirus", tentativo di truffa alla nonna del medico

Il racconto del metodo usato per tentare di raggirare gli anziani

Le truffe telefoniche agli anziani, purtroppo, non sono una novità. Ma in questo periodo difficile, con l'epidemia in corso, hanno cambiato modalità e sono diventate ancora più subdole.

Dopo i falsi addetti che chiedono di entrare in casa per la consegna delle mascherine e i falsi operatori sanitari che propongono i tamponi a domicilio, iniziano anche le truffe che sfruttano un fantomatico vaccino. "Mia nonna ha 83 anni - racconta un medico novarese - ieri, mercoledì 6 maggio, le hanno telefonato dicendo che servivano i soldi per poter acquistare il vaccino per sua nipote. Io sono un medico, lavoro in terapia intensiva e rianimazione a Milano, quindi a mia nonna il racconto era parso credibile. Per fortuna facevo la notte, quindi non ero di turno e sono riuscita a richiamarla subito, evitando che consegnasse dei soldi".

I raggiri del "falso nipote" non sono una novità: generalmente i truffatori chiedono soldi dicendo che servono per pagare i danni o le spese legali di un incidente oppure per aiutare un parente in difficoltà. In questo periodo però la tecnica è cambiata e fa leva sulle paure scatenate dal virus. "Abbiamo chiamato i carabinieri per denunciare l'accaduto - racconta il medico - mi ero subito preoccupata pensando che avessero saputo che lavoro faccio e avessero usato quello per fare leva su mia nonna, ma mi hanno spiegato che capita in continuazione, è una scusa usata in generale. Ora mia nonna è molto spaventata: ho voluto raccontare questa storia per mettere in guardia altre persone". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"A sua nipote servono i soldi per il vaccino contro il coronavirus", tentativo di truffa alla nonna del medico

NovaraToday è in caricamento