rotate-mobile
Cronaca

Fermato al volante dell'auto comprata con un assegno scoperto: novarese denunciato a Riccione

La vettura è stata riconosciuta grazie al sistema di video sorveglianza della città e l'uomo è stato rintracciato dalla polizia locale

Aveva acquistato un'auto pagando con un assegno scoperto. Rintracciato mesi dopo, è stato denunciato dalla polizia locale.

E' successo a un novarese, rintracciato e fermato a Riccione dagli agenti della municipale: l'auto sulla quale viaggiava è stata infatti riconosciuta, in quanto oggetto di truffa e insolvenza fraudolenta, dal sistema di video sorveglianza, attivo sui principali varchi della città.

L'indagine della municipale è partita lo scorso maggio, quando l'auto in questione è passata attraverso uno dei varchi video sorvegliati: sul terminale della centrale operativa della polizia locale di Riccione è scattato immediatamente l'allert, che ha segnalato all'operatore che quella particolare targa e automobile erano oggetto di una denuncia presentata alla polizia di Stato di Milano dal proprietario della vettura appunto per i reati di truffa e insolvenza fraudolenta.

Con un attento monitoraggio e una continua verifica sui transiti, gli agenti della polizia locale di Riccione sono quindi riusciti, il 7 settembre scorso, ad intercettare l'auto e a fermare l'uomo alla sua guida: un 50enne originario di Novara, denunciato per appropriazione indebita, per aver pagato l'auto con un assegno scoperto. Condotta, spiegano dal comando della municipale di Riccione, a cui non sarebbe nuovo "visto alcuni episodi nel suo passato estremamente simili a quelli denunciati a Milano". L'auto è invece stata sequestrata e poi restituita al legittimo proprietario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermato al volante dell'auto comprata con un assegno scoperto: novarese denunciato a Riccione

NovaraToday è in caricamento