Vercelli, 16 persone avvelenate dal monossido di carbonio: evacuato un intero palazzo

A lanciare l'allarme una famiglia che si è sentita male

Repertorio

Sedici persone sono finite in ospedale per colpa di una caldaia difettosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'allarme è scattato nel tardo pomeriggio di lunedì 14 gennaio a Vercelli, in via Bussi, dove un'intera famiglia, cane compreso, ha manifestato malesseri stando in casa. Tutti i membri della famiglia sono stati soccorsi dal personale del 118: i medici hanno immediatamente capito che si trattava di un'intossicazione da monossido di carabonio. I vigili del fuoco hanno evacuato l'intero palazzo e hanno scoperto che la causa dell'avvelenamento era una caldaia difettosa. Delle sedici persone evacuate cinque sono state ricoverate a Novara, sette tra cui due bambini nella stuttura I Cedri di Fara Novarese, per essere sottoposti a trattamento in camera iperbarica, e quattro a Vercelli. Nessuno di loro è in gravi condizioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus, cauto ottimismo dal Maggiore di Novara: in Piemonte 9.418 i casi

Torna su
NovaraToday è in caricamento