Rizzottaglia, maxi inseguimento in via Adamello: risolto il mistero dello sparo

Un arresto e due denunce dopo la scena da film che ha preoccupato gli abitanti del quartiere

La strada è stata chiusa per oltre un'ora

É stata la segnalazione di uno sparo che ha fatto accorrere in via Adamello, alla Rizzottaglia, le volanti della polizia lunedì 14 agosto.

Tutto è nato da una discussione, poi degenerata in rissa, tra quattro persone: una volta sul posto gli agenti hanno quindi bloccato la strada e cercato i soggetti coinvolti. Uno di questi, C.M., novarese 51enne già noto alle forze dell'ordine, stava cercando di fuggire scavalcando la recinzione della scuola Bottacchi: fermato, ha colpito un poliziotto per scappare. Mentre veniva arrestato altre due persone si sono scagliate contro gli agenti, che hanno dovuto usare lo spray urticante per fermarli. C.M. è stato portato in carcere e la sua abitazione è stata perquisita: sono state trovate armi bianche illegali. Questa mattina, mercoledì 16, il gip ha convalidato gli arresti domiciliari. Denunciati invece gli altri due. 

Per quanto riguarda il rumore, segnalato da molti residenti in zona come uno sparo, gli investigatori hanno scoperto la causa: si tratterebbe di una latta di vernice che la moglie di C.M. avrebbe lanciato dal balcone per colpire gli aggressori del marito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Trecate: muore travolto dal treno

  • Novara, uomo trovato morto su una panchina

  • Novara, in arrivo un nuovo parco commerciale alla Bicocca con supermercato e fast food

  • Incidente a Novara: schianto tra due auto all'incrocio, un ferito

  • Concorso di Natale di Esselunga, vinte 3 Mini tra novarese e Vco: i numeri e i codici vincenti

  • Novara, non è più idoneo a detenere armi: la polizia gli sequestra 9 pistole e 2 fucili

Torna su
NovaraToday è in caricamento