Villa Soranzo a Varallo Pombia

Attuale sede comunale, risale al periodo compreso fra il XVI ed il XVII secolo

Attuale sede comunale, Villa Simonetta Mocenigo Soranzo di Varallo Pombia è un villa risalente al XVI-XVII secolo. Venne fatta costuire dal cardinale Federico Caccia, poi, nel corso degli anni, fu oggetto di numerose successioni ereditarie. Fu infatti di proprità dei marchesi Ferreri di Milano, dei conti Gallarati-Scotti e dei Simonetta.


All'interno, si segnalano un vano scala ottagonale, attorno al quale si trovano le statue che rappresentano le Quattro Stagioni.  La villa presenta inoltre soffitti in legno decorati ancora visibili. Sulla facciata principale, inoltre si trova una meridiana. Sulle altre facciate del cortile circolare, invece, si trovano stemmi (fra di essi quello di papa Innocenzo XII e qullo della famiglia Caccia), oltre ad alcuni trompe l'oeil.  La villa è circondata da un vasto parco. 

Dal 1972, quando l'Amministrazione acquistò l'edificio dagli redi della contessa Teresa Bollini Mocenigo Soranzo, è di proprietà comunale. Oltre agli uffici, sono presenti laa biblioteca, il museo archeologico, la pinacoteca.


[fonte: www.comune.varallopombia.no.it]

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Novara, le mascherine gratuite si ritirano in farmacia

Torna su
NovaraToday è in caricamento