Economia

Rallenta l'economia novarese, export in calo del 2% nel terzo trimestre 2016

A rivelarlo sono i dati dell'Osservatorio sull'export attivato dalla Fondazione Edison in collaborazione con l'Ain. Performance migliore per gli articoli farmaceutici

Immagine di repertorio

Rallenta l’export della provincia di Novara nel terzo trimestre del 2016: lo rivelano i dati dell’Osservatorio sull’export, attivato dalla Fondazione Edison in collaborazione con l'Associazione Industriali di Novara.

Il calo rispetto al terzo trimestre del 2015 è stato del 2%, a fronte di una crescita tendenziale dell'1% a livello nazionale. Nei primi nove mesi del 2016, invece, le esportazioni novaresi sono cresciute dello 0,1%, quelle italiane dello 0,5%. Considerando le sole esportazioni manifatturiere, nel periodo gennaio-settembre 2016 la provincia di Novara ha incrementato le vendite all’estero (complessivamente pari a 3,4 miliardi di euro di valore) dello 0,3%, evidenziando però una dinamica più debole rispetto a quella dei trimestri precedenti.

I settori che hanno registrato la maggiore crescita sono quelli degli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+53,3%), seguiti a distanza da due comparti, di minore importanza, dei computer, apparecchi elettronici e ottici (+17%) e del legno, prodotti in legno, carta e stampa (+14%), e da quello, più rilevante, dei mezzi di trasporto (+14,7%).

In crescita è risultato anche l’export di metalli e prodotti in metallo (+10,1%), di apparecchi elettrici (+2,9%) e di macchinari e apparecchi meccanici (+1,9%), al cui interno la rubinetteria e il valvolame (classificati come 'macchine di impiego generale') hanno registrato in aumento del 2,4%.

L’altro significativo settore manifatturiero della provincia di Novara, rappresentato dai "prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori", ha visto una crescita delle esportazioni dello 0,7%; al suo interno il comparto dei tessuti è cresciuto del 15,5%, mentre quello principale degli articoli di abbigliamento è calato dell'1,2% e quello, più piccolo, dei filati di fibre tessili si è ridotto del 24,9%. In calo sono risultati anche il settore dei prodotti petroliferi raffinati (-27,7%), quello delle sostanze e prodotti chimici (-11,7%), quello degli articoli in gomma, materie plastiche e altri prodotti della lavorazione dei minerali non metalliferi (-5,9%) e quello dei prodotti alimentari, bevande e tabacco (-0,3%).

L'analisi dei mercati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rallenta l'economia novarese, export in calo del 2% nel terzo trimestre 2016

NovaraToday è in caricamento