Lunedì, 17 Maggio 2021
Economia

Carlo Robiglio rappresentante locale dell’American Chamber of Commerce in Italy

Avrà il compito di fungere da raccordo tra le imprese novaresi interessate ad avviare il processo di internazionalizzazione verso gli Stati Uniti e AmCham Italy

Il novarese Carlo Robiglio è il nuovo rappresentante locale dell’American Chamber of Commerce in Italy (AmCham Italy). Presidente e amministratore delegato di Ebano Spa e presidente del Comitato per la Piccola Industria di Confindustria Piemonte, avrà il compito di fungere da raccordo tra le imprese novaresi interessate ad avviare il processo di internazionalizzazione verso gli Stati Uniti e AmCham Italy, che dal 1915 supporta le attività negli Usa delle aziende italiane.

La presentazione del Chapter locale di AmCham Italy e delle opportunità di business nel mercato nordamericano si è tenuta ieri sera nella sede dell’Associazione Industriali di Novara. All’incontro, al quale hanno partecipato numerosi imprenditori aderenti all’Ain, erano presenti anche Philip T. Reeker, console generale degli Stati Uniti a Milano, Fabio Ravanelli, presidente dell’Ain e di Confindustria Piemonte, Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara, Simone Crolla, consigliere delegato di AmCham Italy, il sindaco di Novara Alessandro Canelli, e il direttore della raffineria Sarpom di Trecate Edoardo Mirgone, che ha presentato il "case study" dell’investimento compiuto dal Gruppo ExxonMobil sul territorio.

Tutti i relatori hanno sottolineato le concrete opportunità che possono derivare dall’intensificarsi delle relazioni economiche tra gli Usa e il novarese anche grazie all’azione di AmCham Italy.

"Mi piace pensare - ha detto Robiglio, che è anche membro del Consiglio generale di Confindustria e vicepresidente de Il Sole 24 Ore Spa - che nel mio ruolo di presidente della Piccola Industria di Confindustria Piemonte io possa da oggi svolgere un servizio in più nei confronti delle piccole imprese del territorio e degli imprenditori associati. Mi impegnerò per creare e sviluppare relazioni per gli imprenditori del Piemonte Orientale, una delle aree più industrializzate dell’intero Paese, che guardano con grande interesse e attenzione agli Stati Uniti d'America. La presenza dell’Amcham è infatti un 'ponte' attraverso il quale da un lato creare un filo diretto tra le nostre imprese che puntano al mercato statunitense per internazionalizzarsi o per esportare merci e, dall'altro per le imprese, sovente 'colossi', dell’industria e dell'economia statunitense che potrebbero guardare a noi e cercare nel Piemonte Orientale le condizioni più idonee e favorevoli per collocare stabilimenti e sedi".

Secondo i dati dell’Osservatorio sull’export attivato dalla Fondazione Edison in collaborazione con l’Ain, nel secondo semestre del 2016 la sola provincia di Novara ha registrato un +65% di esportazioni, rispetto al corrispondente periodo 2015, verso gli Stati Uniti.

"È però giunto il momento - ha sottolineato Robiglio - di non pensare solo al tema esportazioni oltreoceano, in quanto il mondo globale che così velocemente sta modificandosi ci impone di riflettere sulla sostenibilità e sull’impatto ambientale dei trasporti. Per questo diventa sempre più necessario ragionare in un’ottica di internazionalizzazione delle aziende e di delocalizzazione dei siti produttivi, per produrre sempre più le merci laddove esse vengono vendute e consumate. Si tratta quindi di esportare il 'Made in Italy' anche come espressione di ciò che viene realizzato con le competenze, la cultura, i criteri, i crismi e i valori dell'italianità, elementi che soli ed unici possono dare vita a un manufatto che ha le caratteristiche intrinseche dei concetti di 'bello e ben fatto' nel solco di quel portato storico che prende vita dalla tradizione delle botteghe rinascimentali. Pensiamo quindi, per il futuro, a muovere, più che le merci, le idee, il know-how, le progettualità, con sempre meno container e sempre maggiore presenza sui reciproci territori, in un'ottica di collaborazione, di sinergia e di sviluppo dei business, valorizzando le competenze presenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carlo Robiglio rappresentante locale dell’American Chamber of Commerce in Italy

NovaraToday è in caricamento