menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Lupi, Coldiretti: "Bene indennizzi ma servono azioni più tempestive per permettere alle imprese lo svolgimento dell'attività agricola"

Secondo Coldiretti, "nel solo Piemonte si stima una popolazione compresa tra i 450 ed i 500 lupi quando in Francia sono complessivamente circa 550"

"Riteniamo positivo lo stanziamento dei fondi per l’indennizzo diretto dei danni causati dalle predazioni da lupo, ma ricordiamo alla Regione che serve anche che venga attivato un meccanismo efficiente, con tempistiche rapide e che venga affiancata all’attività di monitoraggio e di prevenzione una gestione che tuteli, innanzitutto, il bestiame e chi vive le nostre montagne e le nostre colline, stante il moltiplicarsi di avvistamenti e predazioni anche a bassa quota".

E’ quanto commentano Sara Baudo, presidente di Coldiretti Novara-Vco e Paolo Dellarole, presidente di Coldiretti Vercelli-Biella, rispetto allo stanziamento di 300mila euro, approvato dalla Giunta regionale, per il risarcimento dei danni causati dalle predazioni dai lupi al patrimonio zootecnico in Piemonte e per i costi sostenuti a difesa del bestiame. 

Secondo Coldiretti, "nel solo Piemonte si stima una popolazione compresa tra i 450 ed i 500 lupi quando in Francia sono complessivamente circa 550 e la tendenza è che vadano ad occupare sempre maggiori aree del territorio, spostandosi verso il nord della regione, in particolare verso le province dell’alto novarese e Vco, della Valsesia e del biellese".

"E’ dunque necessario - continuano Baudo e Dellarole - proseguire con il lavoro avviato dal vicepresidente regionale, Fabio Carosso, in sede della Conferenza Stato-Regioni rispetto alle modifiche sul Piano Lupo, in sintonia con quanto stanno già facendo i Paesi confinanti, come la Francia. Serve mettere in atto, quindi, concrete e rapide misure al fine di evitare il crearsi di un disequilibrio ecologico e per permettere, in primis, alle nostre imprese lo svolgimento dell’attività produttiva, alla luce del ruolo svolto a tutela del territorio e viste le difficoltà legate alla situazione pandemica. L’impegno di Coldiretti Novara-Vco e Vercelli Biella per trovare delle soluzioni continua e i nostri esperti parteciperanno ai tavoli di lavoro nelle prossime settimane".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Allarme truffe: "Attenzione ai falsi tecnici e ai finti agenti"

  • Attualità

    Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento