menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il centro quasi deserto durante il lockdown

Il centro quasi deserto durante il lockdown

Arriva il "Bonus Novara": 460mila euro per i commercianti novaresi colpiti dalla crisi coronavirus

Come presentare domanda

E’ stato pubblicato sul sito del Comune di Novara il bando relativo all’erogazione del cosiddetto “Bonus Novara” a cui potranno partecipare i titolari di attività economiche che operano sul territorio comunale nel settore del commercio, dei servizi e dell’artigianato, secondo i codici Ateco riportati.

Codici ATECO - Chi ha diritto al bonus Novara-2

“L’emergenza sanitaria dei mesi scorsi – spiega l’assessore al Commercio Elisabetta Franzoni - ha inflitto un duro colpo al tessuto economico della nostra città come delle altre nel nostro Paese e non solo. L’amministrazione ha dunque voluto andare incontro agli imprenditori sostenendoli attraverso un contributo a fondo perduto per far fronte alle difficoltà economiche e finanziarie che molti stanno vivendo”. “Abbiamo trovato queste risorse nelle pieghe del bilancio – aggiungono il Sindaco di Novara Alessandro Canelli e l’assessore Franzoni– per andare incontro a parte di quelle categorie che purtroppo non hanno ricevuto alcun sostegno dalla Regione Piemonte. Siamo consapevoli – continua il primo cittadino – che ci sono ancora soggetti che non sono stati considerati: proprio per questo motivo abbiamo chiesto alla Regione di sbloccarci altri fondi per dare sostegno anche a chi finora è rimasto escluso”.

Rimandata ancora la pista ciclabile di Veveri: i fondi saranno usati per aiutare i commercianti

Dal 20 luglio si potranno inoltrare le domande fino alle 24 del 30 luglio, compilando i moduli ed inviandoli via pec all’indirizzo bonusnovara@cert.comune.novara.it .

Il modulo per richiedere il bonus Novara-2

La somma messa a disposizione è di 459.097 euro (di cui 50 mila della Camera di Commercio di Novara). Entro 15 giorni dalla valutazione e accettazione della domanda, il contributo a fondo perduto verrà accreditato direttamente sul conto corrente dell’azienda richiedente indicato nella modulistica. Sono ammessi al contributo le imprese aventi i seguenti requisiti:

 a) sede operativa sul territorio del Comune di Novara e sede legale in Piemonte; deve trattarsi di unità operativa dedicata in via esclusiva all'esercizio dell'attività, non coincidente con l'indirizzo della residenza privata o altro ufficio di appoggio;

 b) essere un'impresa attiva ed operativa alla data dell'11 marzo 2020 ed essere iscritta al Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (C.C.I.A.A.) di Novara;

c) svolgere presso la sede operativa di Novara un'attività ricompresa nella classificazione delle attività economiche (Codice Ateco) riportate nel successivo punto 2.2 “Codici Ateco Ammessi al contributo”;

d) essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali in data antecedente il lockdown, nei limiti e alle condizioni previste dal decreto legge 17 marzo 2020, n.18 (c.d. Decreto “Cura Italia”) convertito con legge 24 aprile 2020, n. 27, e successive disposizioni in materia (requisito da verificarsi mediante acquisizione del DURC, secondo quanto previsto dalla Circolare INPS n. 1374 del 25 marzo 2020).

Informazioni e chiarimenti sui contenuti dello strumento e le modalità di presentazione delle domande potranno essere richiesti all'Unità Commercio e Artigianato del Servizio Servizi per le Imprese tramite richiesta via mail all'indirizzo commerc@comune.novara.it oppure chiamando i numeri 0321/3703360-3362-3366 dal lunedì al venerdì dalle ore 09.30 alle ore 12.30.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quando il Piemonte tornerà in zona gialla?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Coronavirus: il vaccino si prenota anche dai carabinieri

  • Economia

    Dopo Borgomanero, McDonald's arriva anche a Oleggio

Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento