menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Coronavirus, Coldiretti Novara-Vco: "Il settore vitivinicolo tra i più colpiti"

Secondo l'associazione di categoria, la chiusura di bar, ristoranti e alberghi ha causato una grave crisi di esportazioni e vendite

Bar, ristoranti e alberghi chiusi, ritardi e disdette di ordini. Le aziende vitivinicole anche nel novarese e nel Vco sono in fortissima difficoltà sia sul mercato nazionale sia sulle esportazioni.

E' la denuncia di Coldiretti Novara-Vco, che in una nota stampa fa sapere che dall’ inizio dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus il numero di bottiglie rimaste ferme in cantina è in continuo aumento.

Coronavirus, Confcommercio Alto Piemonte lancia l'iniziativa "#iosonoimpresa"

"In questo momento delicato - ha spiegato Sara Baudo, presidente di Coldiretti Novara-Vco - a soffrire maggiormente sono i produttori che attuano la vendita diretta e quelli che lavorano in larga parte con i paesi stranieri, oltre alle vendite ovviamente bloccate per tutto il comparto della ristorazione. Le nostre aziende vitivinicole producono vini di alta qualità rinomati in tutto il mondo, ma sono aziende di dimensioni ridotte che non vendono alla grande distribuzione. Dalle prime stime che abbiamo effettuato, in tutto il Piemonte, le perdite vanno dal 60 al 70%. Siamo tra le maggiori regioni vitivinicole, le cui produzioni sono apprezzate oltre i confini nazionali proprio per l’elevata qualità. Il vino piemontese, che vanta 42 Doc e 17 Docg, è cresciuto proprio scommettendo sulla sua identità e questo ha permesso di conquistare sempre più anche i palati stranieri".

"Per prevenire il collasso del settore - ha aggiunto Baudo - oltre al piano salva vigneti, sono necessarie specifiche agevolazioni fiscali e previdenziali da applicare a tutte le imprese agricole operanti nel settore vitivinicolo, senza le limitazioni previste dal decreto 'Cura Italia'.  Una necessità che va sostenuta anche garantendo liquidità alle imprese, con interventi emergenziali a livello nazionale e comunitario, senza appesantimenti burocratici. Oltre a queste manovre per spingere il vino piemontese di qualità è fondamentale ricostruire un clima di fiducia nei confronti del marchio Made in Italy nel mondo, che rappresenta un’eccellenza riconosciuta sul piano qualitativo a livello comunitario ed internazionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Piemonte si potrà fare visita ai pazienti ricoverati in ospedale

Verbano Cusio Ossola

Baveno, chiusa la scuola materna per covid: bambini in quarantena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento