rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Economia

Export: la provincia di Novara preme sull'acceleratore

Nel 2013 la performance provinciale (+2,1%) supera quella nazionale. A rivelarlo, l'Osservatorio sull'export attivato dalla Fondazione Edison in collaborazione con la Camera di Commercio di Novara e l'Associazione Industriali

Cresce l'export delle aziende novaresi.

A rivelarlo, l’Osservatorio sull’export attivato dalla Fondazione Edison in collaborazione con la Camera di Commercio di Novara e l’Associazione Industriali. Secondo l'indagine, nel quarto trimestre del 2013 si riscontra una forte accelerata dell’export provinciale, cresciuto del +7,9% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, confermando una performance migliore di quella osservata a livello nazionale, risultata pari al +0,7%.

Nel complesso, il 2013 si chiude con una crescita del +2,1% a livello provinciale e un calo del -0,1% a livello nazionale. Considerando le sole esportazioni manifatturiere della provincia di Novara, nel 2013 si rileva una crescita tendenziale delle vendite all’estero pari al +2,5%, per un valore complessivo di export superiore ai 4,3 miliardi di euro.

Quanto alle dinamiche settoriali, la crescita dell’aggregato "prodotti tessili, abbigliamento e accessori" è stata pari al +1,5%; in progresso appaiono anche il coke e i prodotti della raffinazione (+13%), gli alimentari e bevande (+7,7%) e gli articoli farmaceutici (+8,4%). Calano, invece, gli articoli in gomma e materie plastiche (-2%), i metalli e prodotti in metallo (-5,9%) i macchinari ed apparecchi (-1,5%) che incorporano a loro volta la rubinetteria (-0,2%), mentre ritrovano il segno positivo gli apparecchi elettrici (+14,2%), i mezzi di trasporto (+3,8%) e i prodotti chimici (+2,4%).

In merito alla ripartizione geografica dell’export, non si arresta la crescita del peso dei mercati extra Ue: nel 2013 i 27 Paesi dell’Unione europea hanno assorbito il 57% delle esportazioni della provincia di Novara, in flessione del -0,3% rispetto al 2012; quelle dirette verso i Paesi extra Ue, pari al 43% delle esportazioni manifatturiere novaresi, sono invece cresciute del +6,4%.

Quanto ai singoli mercati di sbocco nel 2013, invece, la Svizzera (con oltre 660 milioni di euro di export) subentra alla Germania (632 milioni di euro) come principale Paese di destinazione delle esportazioni manifatturiere novaresi; la Francia si mantiene saldamente al terzo posto con oltre 580 milioni di euro di export, pur risultando in flessione del -1,4% rispetto al 2012. In flessione rispetto all’anno precedente sono anche le esportazioni dirette verso la Spagna (-6,2%), i Paesi Bassi (-14,1%) e il Belgio (-4,1%). In evidenza l’incremento delle esportazioni manifatturiere dirette verso la Russia (+35,3%), ma crescono anche quelle verso la Svizzera (+6,8%), il Regno Unito (+5,6%), gli Stati Uniti (+3,2%), la Polonia (+2,8%) e la Germania (+0,8%).

L’analisi dell’export manifatturiero della provincia di Novara verso i Paesi Bric evidenzia nel 2013 un aumento delle esportazioni pari al +11,5% tendenziale; in valore esse risultano pari a 231 milioni di euro. L’export flette verso la Cina (-26,9%) e verso l’India (-3,4%), mentre le esportazioni verso gli altri 2 Bric appaiono in forte crescita: Russia +35,3%; Brasile +30,8%. Nel 2013 tra i Bric è sempre la Russia (con 124,5 milioni di euro di export) il principale Paese di destinazione delle esportazioni manifatturiere della provincia di Novara, seguita dalla Cina (44,5 milioni), dal Brasile (36,8 milioni) e dall’India (25,2 milioni di euro).

Per quanto riguarda il comparto delle macchine di impiego generale si osserva, nel quarto trimestre 2013, una buona ripresa delle esportazioni provinciali, cresciute del +7,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il dato annuale premia invece l’export nazionale, cresciuto del +1,2%, mentre a livello provinciale il dato cumulato indica una flessione del -0,2%.

Relativamente al settore del tessile-abbigliamento, il quarto trimestre dell’anno conferma il buon andamento dell’export a livello provinciale (+7,9%), migliore rispetto a quello osservato a livello nazionale (+4,7%). Tale andamento è confermato dal dato annuale, che evidenzia un +6,6% a livello della provincia di Novara e un +2,2% a livello nazionale.

Sul fronte delle importazioni manifatturiere nel 2013 si osserva un calo da gran parte dei principali Paesi di approvvigionamento della provincia novarese: Spagna - 20,2%; Tunisia -20,1%; Francia -17,3%; Regno Unito -15,5%; Germania -14,6%; Cina -7%. In controtendenza l’import dagli Stati Uniti che nel complesso del 2013 è cresciuto del +131,7% facendo guadagnare al Paese tre posizioni (da sesto, che era nel 2012, a terzo) nella classifica dei principali Paesi di importazione dei manufatti novaresi, scavalcando Cina, Paesi Bassi e Regno Unito. Buona anche la crescita dell’import dalla Turchia (+16,1%), più contenuta quella dal Belgio (+8,6%) e dai Paesi Bassi (+0,9%).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Export: la provincia di Novara preme sull'acceleratore

NovaraToday è in caricamento