Maltempo, Coldiretti: "Una notte di paura, danni nei campi e frane"

L'associazione denuncia gravi problemi e disagi per le aziende sia nel novarese che nel Vco: "Arrivano continue segnalazioni di danni da ogni parte"

Secondo Coldiretti le aziende floricole sono sott'acqua a Verbania e Mergozzo

L'ondata di maltempo che ha colpito in queste ore le province di Novara e del Vco ha procoato numerosi danni anche alle aziende del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ha denunciato Coldiretti Novara-Vco in una nota stampa: "Arrivano continue segnalazioni di danni da ogni parte - ha commentato la presidente Sara Baudo - dalle utenze elettriche saltate per cui i nostri allevatori della provincia di Novara non riescono a mungere gli animali, che iniziano a soffrire, ai campi completamente allagati e addirittura cascine evacuate per alcune ore nelle zone di San Nazzaro Sesia. Strade provinciali e ponti chiusi, alberi caduti per il forte vento in pianura, mentre in Valle Strona, Val Formazza, Valle Antrona si segnalano diverse frane e straripamenti. Sono diversi i soci che ci segnalano allagamenti in azienda, molti ci dicono che hanno avuto grande paura durante la notte, con alcuni non siamo ancora riusciti a parlare perché anche le comunicazioni sono difficili. In Val Formazza è caduta nuovamente la frana che per due volte aveva già minacciato l’abitato della frazione Valdo e i terreni adibiti a pascolo. Un pastore ha perso completamente il suo gregge vicino a Ornavasso, portato via dalla forza del Toce, che continua a crescere anche in queste ore. Le aziende floricole sono sott’acqua nella zona di Mergozzo, dove anche una diga ha straripato, e a Verbania. Persino le api non sono al sicuro: i nostri soci stanno cercando di portare in salvo quelle vicino al fiume Sesia. Per una stima dei danni è ancora presto, e stiamo monitorando la situazione che è ancora in evoluzione, ma certamente questa estate si chiuderà con mancati raccolti, compreso quello del riso che si stava finendo di raccogliere in questi giorni, danni alle strutture e prodotti stoccati in pericolo. Ogni volta ripetiamo che questo è il risultato della tropicalizzazione del clima, con il risultato di queste forti piogge che fanno straripare torrenti e fiumi, e ripetiamo che va fatta manutenzione del territorio e degli alvei dei corsi d’acqua per evitare che i detriti impediscano all’acqua di defluire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, non scendono le sbarre del passaggio a livello: travolto un uomo in scooter

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Si ribalta con l'auto in un fosso: è Veronica Cuccaro la 33enne che ha perso la vita a Mortara

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Coronavirus, anche in Piemonte centri commerciali chiusi nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento