Economia

Una raccolta firme per salvare i negozi di quartiere

E' l'iniziativa lanciata da Confcommercio Alto Piemonte per chiedere al Comune di Novara agevolazioni fiscali e affitti calmierati per le attività a conduzione familiare nei quartieri

Corso Cavour a Novara

Sono decine di migliaia le saracinesche dei negozi tradizionali e familiari che, negli ultimi anni, si sono abbassate per sempre in Italia. Le tasse eccessive, il caro affitti, una burocrazia asfissiante, la concorrenza della grande distribuzione e l’e-commerce hanno contribuito a far chiudere anche a Novara alcuni dei piccoli negozi di quartiere, specialmente quelli a conduzione familiare.

Per evitare di desertificare i centri urbani e soprattutto le aree periferiche, dove le vetrine accese sono un presidio di sicurezza e di socialità, Confcommercio Alto Piemonte ha deciso di lanciare una raccolta firme per chiedere al Comune di Novara agevolazioni fiscali e affitti calmierati per le attività a conduzione familiare nei quartieri.

"La nostra associazione - spiega il presidente Maurizio Grifoni - cerca di fornire alle imprese gli strumenti e le competenze per rimanere sul mercato, anche attraverso la formazione. Ma non basta. E’ necessario che anche le amministrazioni comunali attuino politiche a tutela di questi piccoli, grandi protagonisti delle nostre realtà urbane. Ecco perché, sull’esempio di altre città italiane, come Reggio Emilia, dove un’analoga iniziativa è stata approvata, lanciamo una proposta di iniziativa popolare che prevede la riduzione della fiscalità di competenza comunale sui piccoli commercianti e la calmierazione delle locazioni tramite un accordo tra Comune e proprietari".

"Cento firme di cittadini novaresi sono il minimo per poter presentare la proposta - sottolinea Grifoni - ma contiamo di raccoglierne molte di più. Il discorso sui negozi di quartiere non è solo un tema del commercio. Un piccolo negozio garantisce più qualità dei prodotti ma anche servizi, sicurezza, socialità e tutela dell'ambiente".

Le firme si raccolgono nella sede di Confcommercio, in via Paletta 1 a Novara, e nei gazebo che si possono trovare martedì 6 giugno, al mattino al mercato di largo Leonardi e al pomeriggio in corso Cavour/angolo delle ore, e mercoledì 7 giugno, al mattino al mercato di  piazza Pasteur e al pomeriggio in piazza Cesare Battisti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una raccolta firme per salvare i negozi di quartiere

NovaraToday è in caricamento