Coronavirus: parrucchieri ed estetisti novaresi, dura la ripresa dopo il lockdown

Costi di gestioni più alti, meno clienti e tempi di lavoro più lunghi

I costi di gestione aumentano, i clienti diminuiscono, i tempi di lavoro si dilatano. Parrucchieri ed estetiste fanno i conti con le difficoltà pratiche ed economiche a qualche settimana dalla riapertura delle attività, dopo lo stop forzato durato oltre due mesi a causa dell’emergenza Covid-19.

Da un’indagine realizzata da CNA e pubblicata nei giorni scorsi, che ha coinvolto anche imprese associate delle province di Novara, Vercelli e VCO, emerge che gli artigiani e gli imprenditori della categoria Benessere e Sanità lavorano mediamente due ore di più al giorno e hanno sei clienti in meno rispetto a prima della chiusura forzata. I costi di gestione sono aumentati fino al 30% per via delle spese per la messa in sicurezza dei locali, per l’igienizzazione degli stessi e per i dispositivi di protezione individuale. I costi in più da sopportare non sono solo quelli per igiene e sicurezza: in alcuni casi sono stati rilevati aumenti anche nei prezzi per l’acquisto dei prodotti utilizzati nei saloni, come shampoo e smalti per unghie. Dall’analisi emerge però che acconciatori e estetiste hanno riversato sulle spalle dei clienti solo in modo molto contenuto gli oneri sostenuti per le spese straordinarie.

“Stiamo lavorando – spiega Samira Bongini, titolare del salone ‘Stile Alta Moda’ che si trova a Novara e dove lavora con la figlia - al 40% degli ingressi rispetto a prima. Le dimensioni del mio negozio consentono l’accesso al massimo a quattro persone contemporaneamente. Abbiamo allungato l’orario d’apertura, in alcuni giorni dalle 8 del mattino alle 23, e tenuto aperto il lunedì, che era il nostro giorno di chiusura settimanale. Ho dovuto comprare una grande fornitura di presidi per la sicurezza per noi e per i clienti, ma non ho aumentato le tariffe, sostenendo quindi dei costi, oltre a quelli per adeguare il negozio alle disposizioni. Al momento non ho riscontrato aumenti improvvisi dei prezzi per l’acquisto dei prodotti. In queste prime settimane dopo la riapertura abbiamo lavorato molto ed eseguito servizi come colorazioni e trattamenti, che ci hanno permesso di avere incassi adeguati, ma a breve si tornerà con i servizi normali, quindi con meno incassi. Mentre i costi di gestione, che sono più alti di prima, rimarranno”.

“La cosa più difficoltosa – racconta Angelo Rollo, titolare del salone ‘Tocco d’Angelo’ a Verbania dove a lavorare sono in tre – è stata quella di interpretare le informazioni che mano a mano uscivano per potersi adeguare alle norme sanitarie. Le prime versioni prevedevano dispositivi usa e getta per ogni cliente. Abbiamo comprato il materiale necessario a prezzi più alti, per poter ripartire subito, e solo per ricominciare ho speso 1.500 euro. Successivamente le linee guida entrate in vigore hanno, ad esempio, eliminato l’obbligo dei guanti. Poi l’usa e getta è diventato ‘monouso’, quindi, in teoria potrei utilizzare anche le mie mantelline, camici e simili se li uso per un unico cliente e poi li lavo e li igienizzo, come d’altra parte ho già sempre fatto, ma non è così ovvio. Noi siamo in tre a lavorare. Nel mio negozio c’erano sette postazioni, ma per poter rispettare il distanziamento alla fine ne sono rimaste due utilizzabili contemporaneamente, oltre ai lavatesta dove ho però dovuto mettere un separatore. Ci vuole molto tempo in più rispetto a prima per ciascun cliente perché dobbiamo pulire e disinfettare tutto secondo le norme. Facendo i conti, abbiamo perso un cliente ciascuno al giorno, quindi tre. Alla fine ho calcolato che per ogni cliente donna ho circa cinque euro in più di costi, per l’uomo uno, e non è poco. Ho perciò dovuto aumentare di un euro il costo di listino per la piega, un aumento irrisorio, rispetto al costo in più per ogni cliente. La clientela di prima è rimasta quasi tutta affezionata. A mancare sono i clienti di passaggio, soprattutto i turisti che nel periodo da marzo a settembre a Verbania e in zona erano sempre tanti”.

      

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

                                                                                                               

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le migliori gelaterie di Novara

  • Incidente sulla Torino-Milano, schianto tra un tir e un furgone: un morto e un ferito grave

  • Verbania, ragazzina di 12 anni in coma etilico: chiuso uno dei bar in cui ha bevuto

  • Cerano, furto milionario nell'azienda farmaceutica

  • Si fa trainare con la bici da uno scooter e sbatte contro un palo: gravissimo un 14enne

  • Coronavirus, +37 positivi in Piemonte nelle ultime 24 ore: un nuovo ricovero a Novara

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento