I sapori novaresi protagonisti alla Douja d'Or di Asti

Protagonisti dell'evento curato dalla Camera di Commercio i vini di antica tradizione Fara e Sizzano

Tra gli eventi dedicati all’enogastronomia che stanno animando la 48a edizione della "Douja d’Or" di Asti, in programma dal 12 al 21 settembre, non poteva mancare l’appuntamento con i sapori novaresi.

I prodotti tipici del territorio hanno deliziato i partecipanti alla degustazione organizzata dalla Camera di Commercio di Novara nella serata di martedì 16 settembre, presso il Palazzo dell’Enofila di Asti, sede di svolgimento della rassegna.

A fare gli onori di casa è stato Mario Sacco, presidente della Camera di Commercio di Asti, che ha aperto l’incontro assieme a Paolo Rovellotti, componente della Giunta camerale e past president della Camera di Commercio novarese.

"È con piacere che presentiamo, in questa cornice straordinaria - ha esordito Rovellotti - due denominazioni storiche del Novarese, il Fara e il Sizzano. Si tratta di vini caratterizzati da produzioni di nicchia: gustandoli, attraverso gli abbinamenti con alcune prelibatezze legate alla nostra terra, si apprezza appieno il valore delle produzioni novaresi, che meritano di essere conservate e sempre meglio conosciute".     

Tre i vini novaresi proposti in degustazione (Sizzano Doc 2009 e Fara Doc 2009 e 2010), scelti tra le aziende che hanno ottenuto il diploma di merito in occasione del Concorso Enologico "Calice d’Oro dell’Alto Piemonte 2013" e presentati in abbinamento a tre gustosi piatti preparati dallo chef Gianluca Zanetta dell’Agriturismo "La Capuccina" di Cureggio.

I profumi e i sapori dei vini novaresi di antica tradizione sono stati esaltati dall’accostamento con battuta al coltello di Fassona, risotto carnaroli con fegatini e caprino e "fassolone", carne trita di Fassona cucinata con vino Fara e accompagnata da crema di patate.

Presenti all’evento anche Lorella Zoppis, presidente del Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte, che ha coordinato al meglio la serata, il sommelier Paolo Ferraro e l’enologo Sandro Bussa, i quali hanno sapientemente guidato la degustazione dei vini in assaggio.

Novara si è distinta anche nell’ambito del concorso nazionale "Premio Douja d’Or"; tra i 512 vini premiati compaiono infatti quattro etichette novaresi: Fara 2010 "Vigna di Sopra", Sizzano 2011 "San Bartolomeo", Colline Novaresi Nebbiolo Rosato 2013 "Poderi di Sopra" e Colline Novaresi Bianco 2013 "Particella 40", presentati dalla ditta Bianchi Cecilia di Briona.

Potrebbe interessarti

  • Come smettere di fumare in dieci passi

  • I 3 migliori spioncini digitali per porte blindate

  • Da settembre panoramica dentaria presso la Radiologia di Arona

  • Il potassio: dove trovarlo e i benefici

I più letti della settimana

  • Esselunga assume a Novara e provincia: come candidarsi

  • Giovane novarese scomparso in Spagna: l'appello della famiglia

  • Creavoladossola, donna trovata morta nella notte nei boschi vicino a casa

  • Incidente a Trecate, frontale prima dell'alba sulla provinciale: le auto prendono fuoco

  • Castelletto Ticino, rimane schiacciato da una pianta che stava tagliando: morto sul colpo

  • Arriva "Antonino Chef Academy”: strada chiusa due mesi per lo show di Cannavacciuolo

Torna su
NovaraToday è in caricamento