Novara, nasce "Upo Benefit": rimborsi spese e buoni acquisto per i dipendenti dell'università

L'iniziativa di welfare dedicata al personale dell'Ateneo è tra le prime nel panorama nazionale

I dipendenti avranno a disposizione un credito per istruzione, assistenza sanitaria, tempo libero e numerosi altri servizi

Lo scorso 6 maggio l’Università del Piemonte Orientale ha ufficialmente presentato "Upo Benefit", un’iniziativa di welfare dedicata al personale dell’Ateneo, tra le prime nel panorama nazionale.

I dipendenti destinatari di questa iniziativa - il personale tecnico-amministrativo con contratto a tempo determinato e indeterminato, i collaboratori ed esperti linguistici e i tecnologi - avranno a disposizione un "Conto Upo Benefit" con un credito disponibile per rimborsi spese, voucher e buoni acquisto.

Ogni dipendete disporrà di una somma che dovrà essere utilizzata entro il 28 febbraio 2020; nello specifico il Conto Upo Benefit potrà essere utilizzato per: spese di istruzione e per la cura dei figli; spese per familiari anziani o non autosufficienti; rimborsi di abbonamenti ai trasporti pubblici; servizi e prestazioni sanitarie; palestre e centri fitness; tempo libero: viaggi, cinema, teatri, parchi, etc…; buoni acquisto in negozi e catene convenzionate; finanziamenti e prestiti.

Alcuni dei servizi saranno usufruibili a rimborso, altri tramite voucher o buoni acquisto. Per aderire al servizio, il personale Upo dovrà semplicemente registrarsi su un portale dedicato (accessibile dalla Intranet di Ateneo), da cui potrà accedere alle singole convenzioni e agevolazioni. I servizi potranno essere usufruiti anche dai familiari dei dipendenti.

"Siamo davvero soddisfatti di questa iniziativa - ha dichiarato il professor Andrea Turolla, direttore generale dell’Università del Piemonte Orientale - frutto di un lungo lavoro che ha coinvolto proficuamente le rappresentanze sindacali, le quali hanno apportato significativi contributi e suggerimenti. Siamo inoltre orgogliosi di poter presentare un pacchetto di benefit flessibile, che ogni dipendente potrà modulare secondo le proprie necessità personali e familiari. Dal canto nostro ci impegniamo fin da subito a valutare l’impatto che questo servizio avrà, con l’intenzione di migliorarlo ed eventualmente implementarlo nel prossimo futuro, per adeguarlo sempre più alle esigenze del personale dell’Ateneo".

Potrebbe interessarti

  • Come smettere di fumare in dieci passi

  • Da settembre panoramica dentaria presso la Radiologia di Arona

  • I 3 migliori spioncini digitali per porte blindate

  • Il potassio: dove trovarlo e i benefici

I più letti della settimana

  • Esselunga assume a Novara e provincia: come candidarsi

  • Creavoladossola, donna trovata morta nella notte nei boschi vicino a casa

  • Arriva "Antonino Chef Academy”: strada chiusa due mesi per lo show di Cannavacciuolo

  • Castelletto Ticino, rimane schiacciato da una pianta che stava tagliando: morto sul colpo

  • Ritrovato il giovane novarese scomparso in Spagna: sta bene

  • Val Vigezzo, non ce l'ha fatta la donna soffocata da un boccone al pranzo di Ferragosto

Torna su
NovaraToday è in caricamento