menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo chef Maurizio D'Andretta nella sua cucina

Lo chef Maurizio D'Andretta nella sua cucina

Ristoranti, ai fornelli del Q33 di Sillavengo c'è un nuovo chef

Nella cucina del ristorante del country resort "Al Castello" è arrivato Maurizio D'Andretta. Campano di origine ma piemontese di adozione, in passato ha lavorato con Antonino Cannavacciuolo

Cambio alla guida della cucina del ristorante Q33 di Sillavengo: ai fornelli è infatti arrivato Maurizio D'Andretta, che ha rivoluzionato non solo il menù, ma anche il modo di lavorare e trasformare le materia prime che diventano piatti buoni ma soprattutto belli e originali.

Campano di origine ma piemontese di adozione, ha spaziato tra le cucine dei grandi chef italiani ed internazionali, come quella del "novarese" Antonino Cannavacciuolo. Lo chef D'Andretta ha infatto mosso i suoi primi passi in cucina proprio nel ristorante Hotel Villa Crespi di Orta San Giulio.

La sua formazione è poi proseguita nel Grand Hotel Palazzo della Fonte di Fiuggi, all’Hotel Monaco e al Gran Canal di Venezia. Nel 2003 è partito per Parigi, per lavorare nel ristorante di Gualtiero Marchesi. Dal 2005 lavora ad Alessandria e nel 2008 ricopre il ruolo di Sous Chef nel ristorante Alli due Buoi Rossi. Nel 2010 la stagione estiva lo porta in Sardegna all’Hotel Capo d’Orso e, nel 2011, per un giorno (un giorno solo, ma tra i più importanti della sua vita) si destreggia nelle cucine dell’Eleven Madison Park, 3 stelle Michelin, a Manhattan, New York. La sua carriera prosegue poi tra Toscana, Francia, Alto Adige e Sardegna. Nel 2014 inizia a lavorare come Sous Chef presso Rosewood Castiglion del Bosco dallo Chef Enrico Figliuolo, e a gennaio 2017 entra nella cucina del ristorante Q33 del country resort "Al Castello".

Nella sua cucina non ci sono regole, standardizzazioni e ricette sempre uguali, ma ricerca e selezione delle materie prime, tempo nella cottura, amore nella mise en place, fantasia e passione nei colori e nei mix degli ingredienti. Un viaggio nel gusto, quello autentico, tra le sensazioni del cibo, in cui il piatto colpisce prima gli occhi e poi il palato, ma lascia soddisfatti e piacevolmente sorpresi i commensali.

Circondato dalle risaie del novarese, "Al Castello" è una antica villa appartenuta nel passato alla famiglia Caccia, feudataria di Sillavengo, e costruita tra il sedicesimo e il diciassettesimo secolo. Hotel, Spa e location per matrimoni ed eventi, da quest'anno ha deciso di rivoluzionare la cucina del suo ristorante affidandola, appunto, alle mani di Maurizio D'Andretta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento