"Memorie Russe": un successo da quasi 2mila presenze

La rassegna letteraria chiude con risultati straordinari: oltre 1800 partecipanti in 5 giornate

Si è chiusa lunedì 26 gennaio la prima edizione della rassegna "Memorie Russe", percorso letterario promosso da Fondazione Teatro Coccia all’interno dell’Azione "La città portata di mano" del progetto "Cultura e Aree Urbane - Sistema Culturale e Casa Bossi", finanziato da Fondazione Cariplo e realizzato in collaborazione con Assessorato alla Cultura del Comune di Novara e Biblioteca Civica Negroni, condotto dagli attori Leonardo Bucciardini e Daniele Bacci della Compagnia Venti Lucenti di Firenze.

Un percorso di "rilettura" dei grandi classici della letteratura russa che, in cinque incontri al mattino, organizzati in altrettanti istituti superiori della città a partire da fine novembre, e in cinque appuntamenti pomeridiani aperti alla cittadinanza, ha fatto slalom tra titoli celebri quali "Guerra e Pace", "Il canto dell’amore trionfante" e poi ancora "Anna Karenina", "Delitto e Castigo", "L’Idiota", "I Demoni" e "I Fratelli Karamazov". Un modo nuovo di avvicinarsi a quei tomi che, troppo spesso, sono considerati, difficili, lontani, quasi impossibili.

Evidente la risposta degli allievi delle scuole (Liceo classico "Carlo Alberto", Liceo artistico, musicale e coreutico "Felice Casorati", Itis "Fauser", Liceo delle scienze umane "Bellini" e Istituto Salesiano "San Lorenzo") che hanno dimostrato grande attenzione e molto importante (sia per numeri sia per soddisfazione) quella dei cittadini che hanno affollato tutti gli incontri. Circa 1.000, infatti, sono stati gli alunni coinvolti e circa 800 i partecipanti intervenuti agli incontri pomeridiani; un successo notevole, per un esperimento mai provato prima, in città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E gli incontri pomeridiani sono stati anche occasione per aprire alla città luoghi insoliti: location degli incontri sono stati, infatti, l’Archivio di Stato, il Palcoscenico del Teatro Coccia, la Sala Consiliare di Palazzo Natta, la Sala della Maddalena del Palazzo dei Vescovi e i locali della Caffetteria del Broletto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Novara, le mascherine gratuite si ritirano in farmacia

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

Torna su
NovaraToday è in caricamento