Centri estivi: un contributo di oltre 9 milioni di euro per il Piemonte

Lo ha annunciato l'assessore regionale alle Politiche per la famiglia Chiara Caucino

Foto di repertorio

E’ di 9,7 milioni di euro la somma trasferita al Piemonte per i centri estivi.

"La Conferenza Unificata Stato-Regioni - ha comunicato l’assessore regionale alle Politiche per la famiglia Chiara Caucino - ha confermato l’importo di riparto originariamente previsto. Grazie alla collaborazione efficace ed immediata del mio assessorato con il Dipartimento nazionale per la Famiglia i 635 Comuni che si sono dichiarati interessati riceveranno in modo puntuale le risorse".

"Il criterio prescelto per la ripartizione dei fondi, destinati a centri estivi diurni, servizi socio-educativi territoriali e centri con funzione educativa e ricreativa, è la numerosità della popolazione residente nella fascia 3/14 anni - ha precisato Caucino - Lo schema di decreto prevede altresì che le risorse finanziarie siano erogate entro 15 giorni alla registrazione del provvedimento in un’unica soluzione".

I soggetti che potranno collaborare con i Comuni nella realizzazione degli interventi finanziati, potranno essere, specifica l’assessore, "enti privati, scuole paritarie di ogni ordine e grado, enti appartenenti al Terzo Settore, imprese sociali, enti ecclesiastici e di culto, purché dotati di personalità giuridica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel ringraziare la struttura regionale "per l’ottimo lavoro svolto in tempi così stretti in collaborazione con Anci, i cui effetti andranno a vantaggio, oltre che dei Comuni, delle famiglie, dei bambini e dei ragazzi piemontesi", l’assessore Caucino fa presente che "stiamo parlando di risorse che permetteranno di contenere il costo finale a carico dei cittadini, su cui non è immaginabile vadano a gravare i maggiori oneri economici legati all’attuazione di tutte le misure necessarie previste per la prevenzione del contagio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo giorno di scuola: sopralluogo della Provincia nelle scuole novaresi

  • Scuola, verso la riapertura: in Piemonte potenziato il trasporto pubblico locale

  • Novara, all'Upo il Master sulle regole del mondo farmaceutico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento