Iscrizione università in ritardo: come fare e i costi aggiuntivi

Ecco tutta la procedura da seguire, con tempistiche che possono però variare da ateneo ad ateneo

Devi sapere che esiste la possibilità, in alcuni casi, di iscriversi in ritardo, ovvero oltre i normali tempi d’iscrizione.
Tuttavia, è una procedura che comporta dei costi aggiuntivi e delle problematiche, però, ti spiegheremo come fare e quali sono le more per l’iscrizione in ritardo così non perderai un prezioso anno di studio!

Facoltà a numero chiuso

Partiamo dalle facoltà a numero programmato, come medicina, dove è necessario sostenere e superare un test d'ingresso. In queste facoltà è il Ministero dell’Istruzione a stabilire non solo la data del test, ma anche quella entro cui immatricolarsi, una volta pubblicate le graduatorie nazionali.

In queste facoltà, purtroppo, non esiste la possibilità di prorogare i termini d’iscrizione. E’ però possibile iscriversi ad una facoltà alternativa a numero aperto e tentare il test l’anno successivo. Inoltre è anche possibile iscriversi ad un' università telematica.  Atenei dove, in molti casi, ci si può iscrivere tutto l’anno.

Facoltà a numero aperto

Passiamo ora alle facoltà a numero aperto dove il periodo di immatricolazione è stabilito dalle singole università. Generalmente, è possibile iscriversi al primo anno da luglio a fine settembre - metà ottobre.

Ogni Ateneo stabilisce anche se e entro quale data consentire l’iscrizione in ritardo. In generale, è possibile immatricolarsi entro dicembre o gennaio, ma per conoscere la data esatta è necessario consultare il sito ufficiale dell’università.

Tutte le informazioni dettagliate, la modulistica e i documenti richiesti possono, ovviamente, essere reperiti anche presso la Segreteria studenti.

In molti casi andrà anche inserita la motivazione per l’iscrizione in ritardo all'interno della domanda di ammissione, che dovrà essere accettata dal Rettore dell’Ateneo. 

Inoltre, oltre al pagamento della tassa di iscrizione, si dovrà pagare anche una mora o sovrattassa. In alcuni Atenei è prevista una quota fissa (in genere tra i 65 e i 100 euro), mentre altre università stabiliscono l'entità della mora in relazione al ritardo rispetto ai termini regolari d’iscrizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri estivi: un contributo di oltre 9 milioni di euro per il Piemonte

Torna su
NovaraToday è in caricamento