Rifiuti: dal lago Maggiore una soluzione per produrne meno

Una star up di Comignago ha inventato il modo di ridurre il volume dei rifiuti organici domestici fino al 90%

Si chiama Ecodyger e nei prossimi anni ne sentiremo parlare sempre più spesso. È un sistema di compostaggio domestico che permette di ridurre il volume e il peso dei rifiuti organici dal 70% al 90%.

L’innovativa soluzione nasce nel Novarese, nel piccolo paesino di Comignago, dove ha sede questa start up giovane e fresca, che si propone di migliorare l’ambiente in cui viviamo.

"Ogni anno vengono prodotti solo in Europa 252 milioni di tonnellate di rifiuti - spiega Claudio Merazzi, del team di Ecodyger - di cui il 35% sono rifiuti organici, 88 milioni di tonnellate. Se tutti gli europei utilizzassero Ecodyger, riusciremmo a produrre 88 milioni di tonnellate di rifiuti organici in meno ed avremmo al loro posto 8 tonnellate di fertilizzante naturale al 100%, di alta qualità e soprattutto a chilometri zero. Tutto ciò significa anche un’importante riduzione delle emissioni di CO2 rispetto alla produzione di fertilizzanti chimici".

"Ecodyger è un prodotto, un’idea made in Italy frutto di una ricerca e sviluppo di oltre 3 anni - prosegue Merazzi - e ha già vinto nel 2012 lo UK-Italy Nautical Innovation Award, grazie all’elevata innovatività e tecnologia dell’idea di Ecodyger, che è sotto brevetto mondiale".

Attualmente il prodotto è disponibile in versione "pro", cioè è rivolto a tutti coloro che producono grandi quantità di rifiuti organici, come i ristoranti e le pizzerie. A breve però arriverà anche un prodotto adatto alle famiglie, di dimensioni più ridotte, che sarà possibile tenere in casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Fino a qui tutto fantastico - conclude Merazzi - peccato che ci siamo resi conto di una cosa. Benchè abbiamo ricevuto un forte positivo riscontro dai nostri fans e da tutte le persone a cui abbiamo parlato del nostro progetto, ci siamo dovuti scontrare con la dura realtà. Il mondo della gestione dei rifiuti ha un enorme giro di affari dietro. Purtroppo poche aziende o amministrazioni pubbliche pensano ai benefici veri per la vita delle persone e l'ambiente, ma guardano piuttosto al loro tornaconto personale. Speriamo però di riuscire, facendo conoscere il nostro progetto alla gente, a portare avanti questa piccola grande rivoluzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Novara, le mascherine gratuite si ritirano in farmacia

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

Torna su
NovaraToday è in caricamento