rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Green

Legambiente monitora le micro plastiche nel Lago D’Orta

L'Orta è individuato, a livello nazionale, come uno dei laghi “campione” per effettuare studi e ricerche su questa criticità ambientale

Proseguono i campionamenti per monitorare la presenza di microplastiche nel lago d’Orta.

L'Orta è stato individuato a livello nazionale come uno dei laghi “campione” per effettuare studi e ricerche su questa criticità ambientale. Dopo il riscaldamento globale e i conseguenti cambiamenti climatici, la presenza di microplastiche nelle acque costituisce una della maggiori preoccupazioni della comunità scientifica, impegnata a comprendere al meglio i possibili scenari futuri e l’impatto che possono avere sugli ecosistemi e sulla qualità della vita degli organismi viventi del pianeta. Questo progetto di ricerca sul Cusio vede capofila Legambiente Piemonte, attraverso i suoi circoli territoriali,  con la collaborazione scientifica di Enea, Arpa Piemonte e del Cnr Irsa. 

Nella giornata di martedi 18 ottobre il gruppo di tecnici di Arpa Piemonte e ricercatori di Enea, con il supporto logistico di Legambiente e del circolo Sub Novara Laghi e di Ecomuseo del Cusio, ha effettuato un nuovo monitoraggio su tre transetti dislocati in varie aree del lago per raccogliere i campioni che verranno poi analizzati nei laboratori di Arpa Piemonte ed Enea Casaccia. Questi prelievi seguono i prelievi già effettuati lo scorso mese di maggio per poter disporre di una continuità a fini statistici anche con il variare delle stagioni e delle relative condizioni meteo.I risultati delle analisi saranno resi pubblici nella primavera 2023.

“L’attività di networking in corso sul Lago d’Orta in collaborazione con Arpa Piemonte – ha dichiarato Maria Sighicelli del Laboratorio di BiodiversitaÌ e servizi ecosistemici dell’Enea e responsabile scientifica del Progetto Life Blue Lake – ci consente di implementare il protocollo Blue Lakes, messo a punto durante i due anni di campagne sugli altri laghi pilota. Il Lago d’Orta diventa dunque il riferimento su queste attività per tutti i laghi subalpini”.

“Con le attività odierne – ha affermato Massimiliano Caligara, presidente del Circolo Legambiente Gli Amici del Lago e membro del consiglio di presidenza di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta – continuiamo in un’azione di rafforzamento delle conoscenze tecnico-scientifiche sulle microplastiche nel lago d’Orta. Anche oggi, con il secondo campionamento stagionale, miriamo a rendere quest’attività continuativa, parte di un monitoraggio costante di quella che è un’importante risorsa idrica non solo per il Piemonte, ma per tutto il nord-ovest”.

“Il campionamento sul Lago d’Orta, realizzato in collaborazione e con il supporto di Legambiente ed Enea, si inserisce nell’ambito delle attività di sperimentazione e ricerca sulle microplastiche condotte da Arpa Piemonte – ha affermato il Direttore Generale Angelo Robotto, con l’obiettivo di acquisire conoscenze e competenze nonché per un eventuale futuro supporto tecnico a enti e decisori su questa emergente tematica ambientale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legambiente monitora le micro plastiche nel Lago D’Orta

NovaraToday è in caricamento